Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


8 maggio 1988, Milan vs Juventus 0-0




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
(per gentile concessione di Andrea Leva)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
Prima di Milan vs Juventus
(da "L'Unità" dell'8 maggio 1988)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

La Curva Sud a San Siro per Milan vs Juve
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dal sito forum.tifonet.it - Amarcord Rossonero)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
La Curva Sud a San Siro per Milan vs Juve



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(Archivio Massimo Catozzi)




(by Vincenzo De Santi)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Marco John Carlini - facebook)



Altre immagini del tifo rossonero a San Siro per il derby di ritorno 1987-88



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il tifo juventino



Ruud Gullit riceve il Pallone d'Oro prima dell'inizio del match



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Ruud Gullit riceve il Pallone d'Oro
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Ruud Gullit riceve il Pallone d'Oro



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Costacurta e Buso
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Van Basten e Brio





Ruud Gullit al tiro
(per gentile concessione del M.C. Inossidabili)





Gaetano Scirea con la maglia del Milan al termine della partita



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Stampa" del 9 maggio 1988) (da "L'Unità" del 9 maggio 1988)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dal "Guerin Sportivo")

Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.repubblica.it
7 maggio 1988 - pagina 47 sezione: SPORT

SAN SIRO E' GIA' PIENO

MILANO - Centottanta giornalisti accreditati, ottanta fotografi, trenta tecnici televisivi. La vigilia di Milan-Juventus ha mobilitato gli addetti ai lavori oltre ogni aspettativa. Arriveranno dal Giappone, dal Brasile, dalla Svezia per celebrare il Milan del quasi scudetto. Alla sede di via Turati continuano ad arrivare pietose richieste di biglietti. Il tutto esaurito è già fissato da due settimane, a quota 75.000 spettatori con un incasso di oltre un miliardo e mezzo, lo stesso del derby. Così, si è scatenata la caccia al tagliando "privilegiato". Dopo il sacrificio di domenica scorsa (quando è rimasto inchiodato davanti alla tv nella casa di Saint Moritz) il presidente Berlusconi ha deciso di riprendere l' approccio diretto con la squadra e questa mattina sarà a Milanello. Ogni particolare, dai cani antibomba al premio scudetto (oltre cento milioni a testa) è stato curato in modo assolutamente meticoloso in questi giorni. Il tutto confortato dalle buone condizioni della squadra, compresi Donadoni e Filippo Galli, nei giorni scorsi lievemente acciaccati.


dal sito www.repubblica.it
10 maggio 1988 - pagina 34 sezione: SPORT

GULLIT E MILAN CHE BRUTTA GAFFE

MILANO - Piccoli scricchiolii nella macchina dello scudetto. Ottantamila tifosi in attesa, prima della partita, del piccolo discorso con cui Ruud Gullit intende ringraziare per il "Pallone d'oro". E, insieme al grazie, anche il perchè della dedica a Nelson Mandela. Gli stessi tifosi, fradici di pioggia, aspettano a fine partita che la squadra faccia il rituale, annunciatissimo giro di campo per salutare lo stadio. E invece nulla, nè le parole di Gullit, nè la corsa ai bordi del prato. Dettagli. La Lega non ha concesso l'autorizzazione, dicono in società, e senza autorizzazione nessuno può prendere la parola prima di una partita di calcio. Gullit ci teneva a parlare. Aveva discusso a lungo con i giornalisti di "Vara televisia", l'emittente olandese che ha pubblicizzato la dedica del premio, curando anche un dialogo a distanza fra il giocatore e la moglie di Mandela (intervista fatta clandestinamente nella casa del leader nero).
Un comunicato breve, prima redatto in olandese e poi tradotto in italiano. Gullit sabato pomeriggio faceva le prove per trasformare in modo comprensibile la sua lettura ancora zoppicante. Poi, in serata, il no trasferito dalla Lega ai dirigenti del Milan. Peccato. E allora Gullit chiede che il testo venga diffuso in tribuna-stampa e scritto sul grande schermo di San Siro. Niente schermo. Sul foglio, distribuito insieme alle formazioni, si legge fra l'altro: "Come voi tutti sapete, dedico questo premio a Nelson Mandela nella speranza che capiate quanto sia importante combattere l'apartheid, perchè io credo che tutti abbiano diritto a godere della propria libertà". Lega inumana e senza cuore? In via Filippetti sono decisi: "Mai negato nessuna autorizzazione. Intanto perchè nessuno ce l'ha richiesta. E poi perchè di fronte ad un uomo così buono, così generoso, non ci sarebbe stato problema. Poteva tranquillamente dire tutto quello che voleva...". A fine partita, i giocatori si infilano velocemente negli spogliatoi. Resta leggermente indietro Gullit, che ha scambiato la maglia con Scirea e va nel cerchio di centrocampo a salutare la gente. Sacchi gesticola con Lanese. E il giro di campo? "I giocatori sapevano" dicono in società. E Filippo Galli: "Perchè nessuno ci ha avvertito?". Toccava al team-manager (Ramaccioni), sussurrano in via Turati.


dal sito www.repubblica.it
10 maggio 1988 - pagina 35 sezione: SPORT - di Gianni Brera

BRAVO SACCHI, NON ESAGERARE

COSTRETTA a far risultato anche nella partita più difficile dell'anno, la Juventus non ha temuto di schierarsi alla provinciale e, imbattuta, ha negato al Milan la gioia di consacrarsi campione il giorno stesso in cui si accomiatava dal suo pubblico grande e generoso. La battuta di arresto ha molto deluso Capitan Berlusconi e Arrigo Sacchi. In effetti, la partita che doveva essere dell'apoteosi è stata bruttata da un calcio senza gloria di idee e di emozioni. Un paio di acquazzoni accompagnati da grandine hanno cosparso il terreno di pozzanghere fatali al Milan, che non ha potuto estrinsecare il suo forcing, solitamente improntato a furente dinamismo. Come avevamo ritenuto giusto anticipare nella presentazione del mattino, la Juventus si è difesa gagliardamente. In certi momenti ha rinnovato le immagini non proprio entusiasmanti dei catenacci vecchia maniera. A la guerre comme à la guerre! Il pragmatico Rino Marchesi non ha badato a pregiudizi formali: ha preteso dai suoi che si battessero nei limiti di un lecito agonismo e alla fine ha avuto ragione. Azzeccata ogni giusta contraria (il rude Brio prima su Virdis e poi su Van Basten; Cabrini prima in centrocampo e poi su Virdis; Scirea libero con Tricella a oscillare, anch' egli libero, sull' avanterra della difesa; Bruno costantemente alle calcagna del piè-veloce Gullit), Marchesi e i suoi hanno lasciato imbattuti San Siro: non solo, ma se qualcuno mai li avesse tirati al cimento, con tutte le ragioni di questo mondo avrebbero potuto recriminare su un fallo da rigore ignorato dall'arbitro Lanese (17' del primo tempo: sgambetto di Costacurta ai danni di Buso arrivato ad accentrarsi in area). Non mi risulta che Marchesi si sia rifatto a quell'episodio: in fondo avrà riflettuto che Lanese non ha voluto di proposito intervenire in modo così drastico nell' andamento d' una partita decisiva per lo scudetto. Ha fatto bene Marchesi, e l'arbitro con lui.
L'esito della classicissima è stato affidato alle azioni dirette. Purtroppo, Colombo da una parte e Rush dall'altra - ma con maggiori colpe del milanista - hanno sciupato le sole due palle-gol create su azione nei 90' regolamentari. Due altre conclusioni degne del gol ha ottenuto di forza il magnifico Simba Gullit, però traendo spunto personalissimo da palloni casuali, nel corso di azioni confuse, anzi caotiche: sul forte sinistro scagliato da entro l' area si è superato Porthos Tacconi con fulmineo tuffo; e l' incornata, in verità non molto agevole, ha solo indotto la palla a spiovere sull' incrocio dei pali. Alla fine, chi abbia onestamente annotato il numero e la qualità delle azioni non ha potuto fare a meno di concludere che, nel primo tempo, la Juventus aveva attaccato persino più del Milan all' avvio; e che l'accanita difesa della sua porta le aveva consentito di chiudere meritatamente in pareggio senza gol. Come era umano prevedere, il forzato rinvio della festa per lo scudetto ha molto amareggiato Sacchi. Egli ha avuto il buon gusto di ammettere che il Milan, privo del suo insigne capitano, Baresi II, non aveva fornito una prestazione particolarmente ammirevole per la qualità del gioco; tuttavia, non ha resistito alla tentazione di bollare con infamia "il vecchio, obsoleto" gioco all' italiana della Juventus. "E c'è qualcuno a cui piace", avrebbe anche deplorato lo stratega di Fusignano: "Qualcuno che lo difende!". Sentendomi chiamato in causa a dispetto di certi amichevoli e confidenziali coups de tèlèphone, non posso a meno qui di stupire alla sdegnosa e permalosa ingenuità di Sacchi. Meritevolissimo esempio di conduzione tecnica e psicologica (non peranco tattica) alla sua prima folgorante apparizione nell' arengo del grande calcio nazionale, Righetto Sacchi ha decisamente ceduto al malumore nel deplorare un modulo che la stessa voglia di vincere (preceduta da quella di non perdere) ha via via imposto nel tempo ai nostri migliori tecnici. Il calcio all'italiana, peraltro superato in molte occasioni, è tipico delle squadre più deboli. Bada prima a non prenderne e poi, se va bene, a segnare. La grande Inter degli anni Sessanta ha esaltato con stile unico la difesa secondo principi che l' ineffabile Accaccone ha dovuto adottare in Italia, salvo poi farli propri a parole e spropositarli come prodotti (pensa te) dall' ècole franaise! Lo stesso Valcareggi è arrivato in finale al Messico, nei mondiali '70, con una squadra che forse non valeva il quinto posto.
Il favoloso Rocco aveva preparato la strada lanciando prima il Padova e poi il Milan. Chi ha superato il concetto strettamente italico di quel gioco sparagnino e spesso cinico è stato Enzo Bearzot, nel '78 e nel trionfale '82. Egli ha attuato e proposto una ragionevole contaminatio (o fusione) fra i pericolosi agi della zona e le rigidezze talvolta limitative del modulo all' italiana, sempre fondato sulla marcatura a uomo. Appena giunto a Milano, Righetto Sacchi ha cippato (tamquam passer) alle delizie della zona buscando malamente da Fiorentina ed Espanol: si è poi molto modificato in retrovia chiamando sempre i centrocampisti a proteggere i difensori: soprattutto, si è potuto avvalere di elementi devoti (al verbo societario, dico, ispirato da Berlusconi) e decisi a sacrificarsi senza ritegni nè morali nè fisici. Inoltre, ha potuto disporre di Simba Gullit, un mulattone olandese che ha la classe atletica di Juantorena e l' abilità presti-pedatoria di un campione autentico. Ha detto bene Marchesi: si fa la zona quando si può, non quando si vuole. Aggiungo io che già il Milan la fa sui generis, marcando anche l'uomo quando è necessario, e che profonde energie con tanto e continuo slancio da far paura. Il buon Sacchi negava che i suoi prodi potessero mai denunciare logorio psico-fisico: lo 0-0 di San Siro lo ha smentito nel giorno stesso in cui finiva di crollare il Napoli. Sul mancato cinismo e sull'inopinato pudore di Ottavio Bianchi diremo a tempo debito. Ci basta qui ricordare a Sacchi che i meriti del calcio all'italiana non possono venire negati perfino a dispetto delle apparenze. Quest'anno uno strapotente Milan ha imposto il proprio nerbo dinamico, non sempre un calcio da tramandare a imitatori ed a posteri. La chiusa polemica, a difesa di tanti che hanno visto crescere Sacchi, non impedisce però al cronista lombardo di invocare che si alzino le bandiere e i canti per il buon vecchio Milan campione d' Italia, per Sacchi che l'ha guidato, messo e tenuto in condizione, per capitan Berlusconi che ha risparmiato a suo tempo i soldini (!!!) per tanto acquisto. Si tenga ora il Milan questo suo meritato XI scudetto come noi ci teniamo le idee che riguardano il modulo più adatto agli italiani, agli argentini, ai chirghisi ed a chiunque abbia onesta coscienza dei propri limiti. Così sia.