Daniele TOGNACCINI

< PREPARATORI E MASSAGGIATORI
  Ritorna all'Home Page



(da "Forza Milan!", 1999)
  Daniele TOGNACCINI

Nato il 03.12.1963 a San Giovanni Vardarno (AR)

Preparatore Atletico e Responsabile Milan Lab-Area Sportiva

Stagioni al Milan: 19, 1998-99, dal 2000-01 al 2011-12, e dal 2013-14 al 2017-18




"Ex insegnante di educazione fisica, ricopre il ruolo di responsabile della riabilitazione dei giocatori infortunati. Ha iniziato a lavorare nel calcio a livello Interregionale, per poi passare al Montevarchi (C2). Ha conosciuto Zac nell'ultimo dei tre anni a Udine e tra i due è subito nato un rapporto di stima e fiducia reciproca." (da "Forza Milan!" del settembre 2000)

Dal 2019, è un collaboratore di Mister Maurizio Sarri alla Juventus.





(Archivio Magliarossonera.it)


(Archivio Magliarossonera.it)





(Archivio Magliarossonera.it)


Daniele Tognaccini con Filippo Galli
(dal sito www.acmilan.com)





Daniele Tognaccini con Massimiliano Allegri
(dal sito www.acmilan.com)



Dal sito www.corriere.it
10 settembre 2018

MILAN, ADDIO TOGNACCINI: "NOI PIONIERI CON MILAN LAB"
Il Corriere della Sera riporta un'intervista a Daniele Tognaccini che ha lasciato il Milan e non ha rinnovato il contratto scaduto lo scorso 30 giugno
Ecco le parole dello stesso ex preparatore rossonero ed ex responsabile di Milan Lab: "Sono stati 20 anni formativi, avendo frequentato persone da cui ho imparato molto; meravigliosi per le vittorie conquistate da protagonista; impegnativi perché ho tolto tempo alla mia famiglia: era giunto il momento di dire basta. Perchè non ho rinnovato il contratto? Non certo perché la società precedente non credeva in Milan Lab. Anzi, la proprietà cinese aveva sviluppato piani di business per esportare la metodologia in Oriente. Aveva un atteggiamento opposto rispetto a Berlusconi che non era per nulla interessato a lucrare su un patrimonio di informazioni preziosissimo. Il progetto Milan Lab partì su input di Adriano Galliani. L'obiettivo era creare una piattaforma di dati per fornire delle spiegazioni: come erano arrivati i trofei? Con quali allenamenti? Come si potevano prevenire gli infortuni, il cui numero incide sul bilancio? Fummo i primi nel mondo a introdurre una raccolta dati di tre aree, strutturale, biochimica e mentale. Creammo a costo zero un sistema di supporto da mettere a disposizione dei dipartimenti tecnici, medici e atletici. In vent'anni abbiamo raccolto 2 milioni di dati tanto che Microsoft, nostro partner, ha dichiarato che Milan Lab rappresenta il database più importante al mondo a livello sportivo. L'allenatore più collaborativo? Gli anni d'oro sono stati quelli di Ancelotti. Abbiamo disputato tre finali di Champions, abbiamo avuto due Palloni d'oro, abbiamo consentito ad atleti come Maldini, Costacurta, Inzaghi di chiudere la carriera a ridosso dei 40 anni. Il tecnico più diffidente? Gli ultimi arrivati, Montella e Mihajlovic, non avevano mostrato molta curiosità. Al contrario di Maurizio Sarri, un vero maniaco di numeri. È mio grande amico, abitiamo a pochi km di distanza. Ogni volta che ci incontriamo mi chiede, si vuole informare. Lui è innamorato dei dati. Mi ha anche chiesto di seguirlo al Chelsea, ma ora intendo rallentare i ritmi lavorativi. Ho un progetto nel campo del turismo e un altro con una società di calcio americana. Pato il rammarico più grande? Non penso che Milan Lab abbia commesso errori. Era come se noi, con i nostri dati, mettessimo a disposizione dei medici un navigatore per seguire la strada. Poi se si preferisce imboccare un'altra via non è colpa del navigatore. Il giocatore più disponibile? Seedorf: era il maggior frequentatore della mind room, la stanza dove entravi, ad esempio, per superare le paure dopo un infortunio. Tempestava di domande lo psicologo, il dottor De Michelis. Tutto il contrario di Serginho. Ti stava a sentire 5', ti diceva che eri un genio ma non gli importava molto. Ora chi porterà avanti il progetto? Bruno Dominici che ha lavorato con me per 14 anni e ora è il preparatore di Gattuso. Da calciatore Rino ha dovuto sgomitare per superare i pregiudizi, ci riuscirà anche da allenatore. Nessun tecnico al mondo avrebbe trascinato fuori dalla crisi la squadra lo scorso anno. Rino deve essere la pietra da cui ripartire. E poi se come a.d. arriverà Gazidis, che all'Arsenal con Emery lavora sui numeri, Milan Lab non potrà che essere potenziato".