Cinzio SCAGLIOTTI

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page



(Archivio Magliarossonera.it)



Scheda statistiche giocatore
  Cinzio SCAGLIOTTI

Nato il 26.03.1911 ad Alessandria, † il 26.12.1985 a Firenze

Mezzala sinistra (C), m 1.80, kg 80

Stagioni al Milan: 2, dal 1937-38 al 1938-39

Proveniente dalla Juventus

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Campionato (Serie A)
il 03.10.1937: Napoli vs Milan 1-1

Ultima partita giocata con il Milan il 09.04.1939: Torino vs Milan 3-2 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 12

Reti segnate: 1

Palmares rossonero: -

Esordio assoluto in Serie A
il 26.01.1930: Alessandria vs Napoli 2-1




Ha giocato anche con l'Alessandria (A), la Fiorentina (A), la Juventus (A), il Prato (*).

"Arriva al Milan dalla Juventus quando ormai la sua carriera č destinata ad una fase calante, ma conquista comunque un ottimo terzo posto, lottando con la Juventus e l'Ambrosiana-Inter (battuta in campionato dopo dieci anni!) fino all'ultima giornata per i titolo di campione d'Italia. A fine stagione viene ceduto al Prato." (Dal Dizionario del Calcio Italiano, Baldini & Castoldi Editori, 2000)



Dal sito magnifico.tifonet.it
di Daniele Giacchetti

BIOGRAFIA DI LUCIANO CHIARUGI
Ponsacco, 1958 - La locale squadra di calcio va a rotoli. Urge un rimedio tempestivo; si interpella Scagliotti. Cinzio accetta e, due volte la settimana, č lā sul campo con la passione e la serietā di sempre. Fra i piedi ha un ragazzino alto due soldi di cacio, con nell'anima tanta voglia di giocare: anche se ha solo il sinistro, il frugoletto piace a Scagliotti, che lo vuole a Firenze. Il padre, perō, vuol farne un falegname. Dopo duri contrasti, la spunta Cinzio e Luciano Chiarugi va incontro al suo destino. A Firenze segue la regolare scala (Under, Allievi, Juniores, Primavera, De Martino) e, nel campionato 1965-66, si trova quasi per caso a dover debuttare in Serie A (Brescia-Fiorentina 1-2). La cittā si divide in due fazioni, i pro e gli anti-chiarugiani. Questi ultimi gli affibbiano subito il nome di "Cavallo pazzo" e gli rimproverano l'eccessiva, inutile, mania del dribbling. Ci proveranno in molti a cambiargli carattere e gioco: Chiappella, Bassi, Ferrero. Ci riesce Pesaola, che lo rilancia clamorosamente nelle ultime dieci partite dello scorso campionato: un Chiarugi nuova edizione, che segna sette reti e ne fa segnare altre. Si guadagna cosė fama e "nazionale", secondo solo a Riva. Sarā certamente l'ala destra titolare in Messico. Quando un paio d'anni fa lo dicevo...mi volevano rinchiudere...





Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "La Domenica Sportiva" del 13 settembre 1933)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cinzio Scagliotti alla Fiorentina
(da "Il Calcio Illustrato", 1934-35)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "La Domenica Sportiva" del 10 marzo 1935)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Caricatura di Scagliotti
(da "La Domenica Sportiva" del 12 maggio 1935)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cinzio Scagliotti alla Fiorentina
(da "Il Calcio Illustrato", 1935-36)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Biografia di Cinzio Scagliotti
(da "Il Calcio Illustrato", 1935-36)