Dino SANI
"Il Cervello"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page

(da "CentoMilan, il libro ufficiale", Edizioni "Panini" Gazzetta dello Sport, 1999)



Scheda statistiche giocatore
  Dino SANI

Nato il 23.05.1932 a Sao Paulo (BRA)

Mediano, Interno-regista (C), m 1.74, kg 74

Stagioni al Milan: 3, dal 1961-62 al 1963-64

Soprannome: "Il Cervello"

Proveniente dal Boca Juniors

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Campionato (Serie A) il 12.11.1961: Milan vs Juventus 5-1

Ultima partita giocata con il Milan il 17.05.1964: Milan vs Fiorentina 2-1 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 78

Reti segnate: 20

Palmares rossonero: 1 Scudetto (1961-62), 1 Coppa dei Campioni (1963)

Esordio in Nazionale Brasiliana il 17.05.1964: Milan vs Fiorentina 2-1 (Campionato)

Ultima partita giocata in Nazionale Brasiliana: .....

Totale presenze in Nazionale Brasiliana: 15

Reti subite in Nazionale Brasiliana: 0

Palmares personale: 1 Campionato Paulista (1960, Palmeiras), 1 Coppa Rimet (1958, Brasile)




Ha giocato anche con il San Paolo (A), il Palmeiras (A), il Boca Juniors (A).




Figurina "Panini" 1961-62

La breve ma felice avventura in rossonero di Dino Sani iniziò nel novembre del '61 quando Viani e Rocco furono costretti a sostituire lo straniero del Milan in seguito alla fuga dell'attaccante inglese Jimmy Greaves, giocatore di talento ma privo di serietà professionale. Il campionato era già a un terzo del suo cammino quando il centrocampista brasiliano mise piede in Italia. La sua squadra, il Boca Juniors di Buenos Ayres, lo aveva ceduto ritenendolo ormai in declino dato che si avviava alla trentina. Per fortuna del Milan Sani aveva ancora parecchie frecce al suo arco e la squadra rossonera, che fino ad allora era andata a singhiozzo con un rendimento che lasciava a desiderare, con Sani cambiò letteralmente faccia. Il brasiliano, da serio professionista qual' era, accettò di esordire pochi giorni dopo il suo arrivo, il 12 novembre 1961. Si giocava Milan-Juventus e i rossoneri strapazzarono i campioni in carica con un sonoro 5-1. Da quel giorno il Diavolo infilò una serie strepitosa di risultati positivi interrotta solo da uno sfortunato derby perso 2-0.

Herrera, vecchia volpe, aveva sottoposto Sani a una marcatura così asfissiante da indurlo a rivoltarsi contro l'avversario, lui sempre così corretto e tranquillo, e a essere espulso. Fu solo un piccolo incidente di percorso e il Milan, magistralmente diretto dal "cervello" brasiliano, riprese la sua marcia trionfale andando a vincere alla grande il suo ottavo scudetto con cinque punti di vantaggio sull'Inter. Sani aveva fatto il miracolo ed era entrato nel cuore dei tifosi nonostante da principio non pochi avessero storto il naso vedendolo scendere dall'aereo: il fuoriclasse carioca non aveva certamente un fisico da atleta. Piuttosto basso, con una leggera pinguedine e quasi completamente calvo, assomigliava più ad un impiegato sulla cinquantina che a un calciatore, ma con la sua classe impareggiabile smentì subito l'aspetto poco convincente. Era lento e correva poco, ma i suoi passaggi veloci, intelligenti e precisi, correvano per lui, pescando alla perfezione le punte lanciate a rete. Talento sopraffino, grandi doti tecniche, notevole visione del gioco e due piedi d'oro che con la palla creavano capolavori squisiti, erano le qualità che facevano di Sani un regista eccelso, la "mente" geniale di un Milan votato al successo. Con la sua esperienza e la tecnica Sani guidò i rossoneri alla conquista della prima Coppa dei Campioni, nel '63. Nel 1964, dopo aver giocato 62 incontri segnando otto gol, fece ritorno in Sudamerica portando il Milan nel cuore." (Dal "Calendario Storico del Milan 1992", Alberto Peruzzo Editore)


"Quando Nereo Rocco lo vide al campo di allenamento del Milan ebbe un sussulto. "Ma questo è un giocatore di football?" esclamò divertito. Dino Sani in effetti non assomigliava per niente ad un calciatore. Non dava l'idea di essere un colosso né di poter combattere l'aggressività degli arrembanti difensori italiani in altro modo. E poi quella pelata . a "el Paron" non piaceva proprio. Ma Rocco dovette ricredersi in giro di pochi giorni. Sani si rilevò un giocatore veramente intelligente, un signor avveduto del centrocampo. In lui i tifosi rossoneri non tardarono a rivedere l'indimenticato Gunnar Gren. Sani è stato capace di infiammare molti esteti del pallone con la sua abilità nel palleggio, la sua intelligenza, il suo tocco sapiente, il senso della posizione. Tutti si innamorarono dell'arte calcistica di Sani ma il brasiliano, dopo tre campionati, decise di lasciare l'Italia avendo messo in bacheca uno scudetto e una Coppa dei Campioni, e di tornare in Brasile dove anche a trentadue anni poteva fare il suo gioco senza sollevare futili polemiche." (Dal sito AC Milan.com)







(Archivio Magliarossonera.it)




Con la maglia del Brasile




Sopra, con la "camiseta" del Boca Juniors



Dal sito www.bandacasciavit.splinder.com - 10 giugno 2005

IL CASCIAVìT DELLA SETTIMANA: DINO SANI
Oggi amarcord nel passato con un grandissimo del Milan della prima metà degli anni sessanta: Dino Sani. Si narra che Nereo Rocco la prima volta che se lo vide davanti, con la sua tipica schiettezza, disse: "Ma è un giocatore questo?".
A vederlo nessuno avrebbe mai creduto in lui, ma si rivelò una pedina fondamentale per il Milan e per il Brasile, dove era chiamato semplicemente Dino.
Con lui siamo pronti ad un fine settimana senza il nostro amato Milan in campo, ma sempre presente nel cuore... Ed allora godiamoci questi giorni, perchè ad Agosto saremo ancora a fare sul serio e noi ci saremo, come sempre, più di sempre!
Buon weekend a tutti!
Banda Casciavìt Herbert Kilpin Firm



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani accolto da Nereo Rocco al suo arrivo al Milan, 1961
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Sani e Liedholm
(da "La Gazzetta del Mezzogiorno" dell'8 novembre 1961)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani, stagione 1961-62
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani, stagione 1961-62
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani, stagione 1961-62



Cliccare sull'immagine per ingrandire

12 novembre 1961, Milan vs Juventus 5-1,
José Altafini e Dino Sani in azione
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Festa scudetto 1961-62, Mario David e Dino Sani con le signore





Dino Sani in allenamento, nel 1962



Dino Sani in palleggio, 1961-62 Dino Sani nel Brasile del 1958 con Altafini, detto "Mazola"



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani con il figlio, primi Anni '60
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina-ritratto con autografo di Dino Sani, 1962-63
(per gentile concessione di Sergio Giovanelli)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aprile 1962, Dino Sani, con la consorte, mentre festeggia in casa propria, la conquista dell'ottavo scudetto con il Milan
(Archivio fotografico Palazzi)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Stagione 1962-63: Mora, Sani, Altafini, Rivera, Barison ed il "Paròn" Nereo Rocco
(immagine a sinistra, per gentile concessione di Padre Giacomo Michele Santarsieri)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Lo Sport Illustrato")
Cliccare sull'immagine per ingrandire



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte", 1962)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Sani e Orlando
(da "Revista do Esporte"
n.184, 1962)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte", 1962)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Sani e Ghiggia
(da "Revista do Esporte", 1962)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Sani e Orlando
(da "Revista do Esporte" n.231, 1963)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte"
n.246, 1963)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte" n.250, 1963)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte" n.289, 1964)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte" n.319, 1965)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte" n.326, 1965)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Revista do Esporte" n.348, 1965)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Sani e Ghiggia
(da "Revista do Esporte", per gentile concessione di Ivano Piermarini)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dal libro "Giallo, rosso e nero" di Mario Bardi, 1964, per gentile concessione di Riccardo Gaggero)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani ospite del Milan Club Desio (MI), 1963
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani con la moglie all'Assassino e con Amarildo e Jair, 1963-64



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dino Sani, stagione 1964-65
(by Francesco Di Salvo)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "Il Milan Racconta")





(da "Intrepido")



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Una foto particolare e per certi versi unica: le Donne Rossonere (con scudetto) con Josè Altafini e Dino Sani
(per gentile concessione di Renato Orsingher)





Elsa Sani, moglie di Dino, nel 1962


Ritratto di famiglia, 1961-62



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "MilanInter" del 17 febbraio 1964)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "MilanInter" del 15 marzo 1965)





Dino Sani con la moglie Elsa, novembre 1989



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
15 dicembre 2008, Silvio Berlusconi celebra i giocatori che vinsero la Coppa dei Campioni nel 1963.
A sinistra, Silvio Berlusconi sul palco con i giocatori che conquistarono la Coppa dei Campioni nel 1963.
Al centro, Berlusconi consegna la maglia del Milan nr. 8 a Dino Sani. A destra, Berlusconi con Dino Sani e Gino Pivatelli