Giovanni MORETTI
"Cesira"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page



(Archivio Magliarossonera.it)



Scheda statistiche giocatore
  Giovanni MORETTI

Nato il 03.12.1909 a Crema (CR), † l'01.02.1971 a Crema (CR)

Mezzala destra (A), m 1.75, kg 72

Stagioni al Milan: 8, dal 1931-32 al 1938-39

Soprannome: “Cesira”

Proveniente dal Crema

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Campionato (Serie A) il 20.09.1931: Milan vs Fiorentina 1-1

Ultima partita giocata con il Milan il 29.01.1939: Milan vs Roma 0-1 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 223

Reti segnate: 68

Palmares rossonero: -




Ha giocato anche con il Crema (*), il Brescia (B), la Cremonese (C).





(da "Il Littoriale" del 1° luglio 1931)


Giovanni Moretti, Anni Trenta
(per gentile concessione di Gabriele Guarnaschelli)





(Archivio Luigi La Rocca)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dalla "Gazzetta dello Sport" del 25 gennaio 1933)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "La Domenica Sportiva" del 5 gennaio 1935)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Perversi e Moretti
(da "La Domenica Sportiva" del 1° febbraio 1936)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "La Domenica Sportiva" del 13 marzo 1937)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(da "La Domenica Sportiva" del 12 marzo 1938)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Giovanni Moretti al Brescia
(da "Il Calcio Illustrato", 1939-40)





Giovanni Moretti ai tempi del Brescia, 1940
(Foto Archivio Luigi La Rocca)


Foto Archivio Luigi La Rocca



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Giovanni Moretti al Brescia
(da "Il Calcio Illustrato", 1940-41)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Giuseppe Bonizzoni e Giovanni Moretti alla Cremonese
(da "Il Calcio Illustrato", 1941-42)





Foto Archivio Luigi La Rocca


(Archivio Magliarossonera.it)





(Archivio Magliarossonera.it)


(da "La Provincia" del 2 febbraio 1971,
per gentile concessione di Andrea Ridolfi Testori)