Aldo MALDERA (III)
"Aldo Gol"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page









Cartolina stagione 1977-78
(Archivio Magliarossonera.it)




Cliccare per accedere alla scheda riepilogativa (grazie ad Ivano Michetti)
  Aldo MALDERA (III)

Nato il 14.10.1953 a Milano, † l'01.08.2012 a Fiumicino (RM)

Terzino sinistro (D), m 1.80, kg 72

Stagioni al Milan: 11, 1971-72 e dal 1973-74 al 1981-82

Soprannomi: "Aldo Gol", "Cavallo" (datogli da Enrico Albertosi)

Cresciuto nel Milan

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Coppa Italia il 02.09.1970: Milan vs Varese 4-0

Esordio nel Milan in Campionato (Serie A) il 26.03.1972: Mantova vs Milan 0-0

Ultima partita giocata con il Milan il 16.05.1982: Milan vs Cesena 2-3 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 310

Reti segnate: 39

Palmares rossonero: 1 Scudetto (1978-79), 2 Coppe Italia (1972, 1977), 1 Mitropa Cup (1982), 1 Promozione in Serie A (1980-81), 1 finale di Coppa delle Coppe contro il Magdeburgo (1974), 1 finale (andata) di Supercoppa Europea contro l’Ajax (1974), 1 finale di Coppa Italia contro la Fiorentina (1975), 1 Finale del Torneo Giovanile di Viareggio contro l’Internazionale (1971)

Ultima partita giocata in Serie A il 17.05.1987: Fiorentina vs Atalanta 1-0

Palmares personale: 1 Scudetto (1982-83, Roma), 1 Coppa Italia (1984, Roma)

Esordio in Nazionale Giovanile il 15.12.1971: Italia vs Jugoslavia 1-0

Totale presenze in Nazionale Giovanile: 1

Reti segnate in Nazionale Giovanile: 0

Esordio in Nazionale B il 29.09.1974: Italia vs Jugoslavia 2-2

Totale presenze in Nazionale B: 9

Reti segnate in Nazionale B: 1

Esordio in Nazionale Italiana il 28.05.1976: Inghilterra vs Italia 3-2

Ultima partita giocata in Nazionale Italiana il 17.11.1979: Italia vs Svizzera 2-0

Totale presenze in Nazionale Italiana: 10

Reti segnate in Nazionale Italiana: 0




PAGINA PRECEDENTE
   


Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire
Aldo Maldera in copertina di "Intrepido"
(per gentile concessione di Massimo Izzi)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Attilio Maldera in una formazione dell’Alessandria 1972-73 (Serie C girone A)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera, 1973-74
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera a Milanello, 1974-75
(by Tepasport.it)



Clicca sull'immagine per ingrandire

La Nazionale Italiana Under-23 (anno 1975) allenata da Enzo Bearzot.
In piedi, da sinistra: Mauro Della Martira, Massimo Cacciatori, Gaetano Scirea, Claudio Gentile, Egidio Calloni.
Accosciati, da sinistra: Aldo Maldera, Domenico Caso, Lionello Massimelli, Eraldo Pecci, Loris Boni, Vincenzo D'Amico



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera con la Nazionale Giovanile
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera in Azzurro, 1977-78



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera in Azzurro, 1977-78
(da "Lo sport nei ricordi di carta")
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera, stagione 1979-80



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera in Nazionale




Clicca sull'immagine per ingrandire

I tre fratelli Maldera: Attilio, Aldo e Luigi, primi Anni Settanta
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Gino, Attilio ed Aldo Maldera in una foto dei primi Anni '70
(per gentile concessione di Attilio Maldera)





(dal sito www.bandacaciavit.splinder.com)


Figurina "Edis", 1981-82
(Archivio Magliarossonera.it)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Stagione 1981-82
(Archivio Magliarossonera.it)
Clicca sull'immagine per ingrandire

(Archivio Magliarossonera.it)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

25 aprile 1982, Milan vs Avellino 2-1: Aldo Maldera esulta con i tifosi dopo il suo gol





Aldo Maldera, 1981-82
(per gentile concessione di Renato Orsingher)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Aldo Maldera, 1981-82
(da "L'Unità")



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan vs Bologna 1981-82, Aldo Maldera consegna la tuta a Paolo Mariconti
(per gentile concessione di Luciano Detogni e Ruggero Ribolzi)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Stagione 1981-82, Milan vs Avellino,
l'esultanza di Aldone Maldera dopo il suo gol
Clicca sull'immagine per ingrandire

Stagione 1981-82, Milan vs Fiorentina,
Cuccureddu sullo spalle di Aldo Maldera





Articolo su Aldo Maldera tratto dal "Corriere dello Sport Stadio"
del 3 agosto 1980


(per gentile concessione di Andrea Leva)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
"Io proprio Io" (1977), Aldo Maldera
(per gentile concessione di Renato Orsingher)



Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Gazzetta dello Sport Illustrata", 1978)



Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Gazzetta dello Sport Illustrata", dicembre 1978)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Paolo Barison, Gigi Radice e Aldo Maldera alla presentazione de "Il Milan Racconta", 1979



Cliccare sull'immagine per ingrandire

14 ottobre 1984, Milan vs Roma 2-1:
Aldo Maldera, ex della partita, con i nipoti Andrea e Davide, figli del fratello Gino





(dal libro "Milan, i grandi Campioni", ed. Il Giorno, 1997)


Aldo Maldera in copertina di "Forza Milan!"



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Scarpe marca Patrick, Aldo Maldera





(da "Il Milan Racconta")



Clicca sull'immagine per ingrandire

Curiosa immagine di Evaristo Beccalossi e Aldo Maldera in un derby telefonico
(by Roberto Rolfo - facebook)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Il matrimonio di Aldo Maldera e Reginella Cremonesi.
Gli sono a fianco i due fratelli, Gino (a destra) e Attilio



Clicca sull'immagine per ingrandire

Il matrimonio di Aldo Maldera con Regina Cremonesi
(by Regina Cremonesi)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Matrimonio di Aldo Maldera e Reginella Cremonesi
(by Fabio Monti - facebook)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Reginella e Aldo Maldera con la piccola Consuelo
(per gentile concessione Fam. Maldera)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Aldo e Reginella Maldera al battesimo della piccola Consuelo
(per gentile concessione Fam. Maldera)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Compleanno di Consuelo Maldera con mamma Regina e papà Aldo
(per gentile concessione di Consuelo Maldera)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Aldo e Reginella Maldera
(per gentile concessione Fam. Maldera)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

1978, Aldo e Gino Maldera con le rispettive mogli Reginella e Luciana
(per gentile concessione di Reginella Cremonesi)



Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire
Reginella e Aldo Maldera nella quiete della loro casa
(da "Forza Milan!" nr.2, anno 1979)



Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire
Reginella e Aldo Maldera con la piccola Consuelo
(per gentile concessione di Consuelo Maldera)




Clicca per ascoltare l'intervista


Intervista di Aldo Maldera su Nils Liedholm
(dal sito www.barforzalupi.it)





Dal sito www.corrieredellosport.it
di Pietro Cabras

Aldo Maldera è nato a Milano il 14 ottobre 1953. Terzino sinistro con propensione offensiva e notevoli capacità realizzative, cresciuto nelle giovanili del Milan, giocò in serie A con i rossoneri dal 1971 al 1982 (a parte una breve parentesi al Bologna, 1972-73), conquistando lo scudetto della stella (1978-79) e una Coppa Italia. Nel 1982 si trasferì alla Roma, con cui vinse subito il tricolore e un’altra Coppa Italia. Chiuse la carriera nel 1987 con la Fiorentina. Ha sommato anche dieci presenze in azzurro, partecipando al Mondiale del 1978.

E tutti noi, bambini cresciuti negli Anni Settanta con quelle figurine in mano, rimanevamo puntualmente senza risposta, a chiederci perché il nostro Maldera fosse Maldera terzo, anzi Maldera III a numeri romani, perché per noi - per tutti - quel Maldera era sicuramente il primo per meriti evidenti, il più forte, inarrestabile nelle sue cavalcate sulla fascia sinistra, con il numero 3 (allora sì, ci dicevamo, forse era per questo motivo, quel numero III sugli almanacchi), che si dilatava sulla maglietta che aderiva sulle spalle, ingobbite da infaticabili sgroppate.
Maldera per la storia è rimasto Maldera III, invariabilmente, ed è lo stesso signore che oggi cinquantaseienne vive sereno in riva al mare del Lazio, a Fregene, con la sua bella famiglia di tutte donne, la moglie Alessandra - romana, conosciuta quando il barone Liedholm lo portò in giallorosso a ricominciare a vincere - che gli ha regalato tre figlie, Consuelo, Desirée e Matilde. «Roma mi accolse e mi rigenerò, mi diede la possibilità di rinascere, di rivincere. E non mi sono più mosso da qui, e sono ormai 27 anni da quel 1982 quando diventai giallorosso dopo una vita di Milan» racconta oggi Aldo Maldera.
È appena rientrato da un’esperienza in Grecia, è stato direttore tecnico al Panionios, «abbiamo fatto un buon lavoro tra prima squadra e under 21», ora torna alla base, pronto a nuove esperienze con lo scatto di un tempo. «Lavorerei in un buon progetto, ho la mia idea di calcio, mi tengo aggiornato, il calcio mi è sempre piaciuto e mi piace ancora, so bene come sia cambiato dai miei tempi. So che potrei dare tanto anche vicino a un tecnico giovane, magari come direttore tecnico. Non ho bisogno di lavorare per forza, ma ho voglia di farlo: so anche che se chiamassi i miei vecchi amici, un posto lo avrei. Ma non è così che ragiono».
Si è sempre messo in discussione, il padre gli insegnò la cultura del lavoro, Antonio e Antonia - i genitori - emigrarono da Corato in Puglia fino a Milano, e il piccolo Aldo nacque in Lombardia e non potè non seguire le orme dei fratelli già calciatori, Luigi detto Gino e Attilio. E lui fu per questo Maldera III, cresciuto tra i moniti di Rocco e i consigli di Liedholm, con la scienza di Rivera che lo lanciava a occhi chiusi quando lui partiva sulla fascia e sapeva che il pallone gli sarebbe stato atterrato davanti, puntuale. Gioca ancora, Maldera? «No, a carte non sono troppo capace... Scherzo, diciamo che ho 56 anni ma che mi tengo comunque in forma». Ma il suo successo più grande è scoprire quando gira per l'Italia, con i baffi di un tempo, solo un po' più bianchi, lo riconoscono tutti, rivolgendogli quell'apprezzamento e quel rispetto che lui ha saputo meritare in una carriera lunga e vincente. E magari se uno è troppo signore, poco incline alle autocelebrazioni, nel calcio di oggi capita che stia fuori, come in questi giorni mister Maldera, che pure ha già lavorato a lungo nel settore giovanile della Roma, fino al 2004, e ha collaborato a una scuola calcio a Focene, dietro casa. Oggi infatti aspetta senza urlare, in riva al mare laziale che ha scelto come suo orizzonte: sanno dove trovarlo, se vogliono, come accadeva in campo.




cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Vecchie Glorie fotografato all'Arena di Milano (metà-fine Anni '70).
In piedi, da sinistra: Salvadore, Altafini, .... , Attilio Maldera, Belli, Sormani, Luigi Maldera, Santin, Prati.
Accosciati, da sinistra: Aldo Maldera, .... , Silvano Villa, Golin, Anquilletti, Danova, Lodetti, Zignoli
(per gentile concessione di Gianni Righetto)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il pittore Bruno Salvagnin con i fratelli Maldera
(Archivio Luigi La Rocca)



Dal sito www.sportmediaset.it
1° agosto 2012 - di Andrea Saronni

ADDIO A MALDERA, TERZINO GOLEADOR
L'ex di Milan e Roma deceduto a 59 anni
Il mondo del calcio italiano piange la prematura scomparsa di Aldo Maldera, uno dei protagonisti delle stagioni a cavallo tra gli anni '70 e '80. Maldera, da tempo malato, doveva ancora compiere 59 anni. Cresciuto nel vivaio del Milan, ha giocato per oltre 10 anni con i rossoneri vincendo lo scudetto della stella nel 1979 e raggiungendo la Nazionale. Passato alla Roma, ha conquistato un altro tricolore nell'83 prima di chiudere con la Fiorentina.
Grande corsa, ottima tecnica (come gran parte dei calciatori che popolavano la Serie A di quegli anni), un tiro violentissimo, preciso, fulminante, scagliato col piede sinistro. Aldo Maldera, anche se non premiato dal curriculum azzurro (solo 10 presenze nella Nazionale di Bearzot), è stato un componente della grande dinastia di terzini sinistri italiani capaci di difendere, attaccare e segnare iniziata con Facchetti e giunta fino a Zambrotta, passando per due fuoriclasse quali Antonio Cabrini e Paolo Maldini.
Diventato grande nell'allora floridissima fabbrica di talenti chiamata Milanello, Maldera, anzi "Maldera III", come era scritto sulle figurine (anche i fratelli maggiori Luigi, campione d'Europa col Milan, e Attilio sono stati calciatori professionisti) fu lanciato in Serie A da Nereo Rocco a Mantova, nel '72, con la maglia numero 10 di Rivera. Il campione che, qualche anno dopo, lo esaltò ai massimi come inusuale goleador: Maldera, evoluto da centrocampista a terzino sinistro, si lanciava verso l'area avversaria e veniva puntualmente trovato dalle proverbiali aperture del capitano rossonero, da lui trasformate spesso e volentieri in gol con delle bordate secche quanto precise. A cavallo tra il '77 e il '79 i suoi migliori anni nel Milan, che gli portarono il suo primo scudetto (1979), la Coppa Italia (1977) e un record di 13 gol tra campionato e coppe nel 1978/79 che lo portarono a eguagliare i record tracciati dal grande predecessore Giacinto Facchetti. In quel periodo, diventò titolare della Nazionale di Bearzot, un posto perso proprio alla vigilia dei Mondiali di Argentina. In calo di forma nel fine stagione e protagonista di una brutta prestazione nell'ultimo test con la Jugoslavia a Roma, Maldera venne tenuto fuori alla prima con la Francia a vantaggio della sua giovane riserva, Antonio Cabrini, che proprio da quel match inizio a costruire la sua grandissima carriera internazionale.
Diventato capitano del Milan, subì in prima persona il crollo rossonero dei primi anni '80, con lo scandalo scommesse e la doppia retrocessione in Serie B. A 30 anni sembrava già sul viale del tramonto: e invece il suo grande maestro e padre putativo calcistico Nils Liedholm lo volle a Roma: e fu subito scudetto, nel 1982/83, titolare inamovibile della squadra di Conti, Falcao, Di Bartolomei, Pruzzo. Passato nel 1985 alla Fiorentina, giocò ancora due campionati di Serie A prima di ritirarsi e intraprendere la carriera di tecnico in squadre giovanili salvo una breve esperienza nel 2009 in Grecia, con il Panionos. Lascia una moglie, tre figli e tanti ricordi belli, di quelli che riempiono le teste degli inguaribili innamorati di quel calcio là.




Dal sito sport.sky.it
1° agosto 2012

ADDIO A MALDERA III, TERZINO GENTILUOMO
Aldo Maldera (qui con la maglia del Milan) era nato a Milano il 14 ottobre 1953 Lutto nel mondo del calcio. A 58 anni è morto l'ex giocatore di Milan, Roma e Fiorentina. Due volte campione d'Italia, disputò anche 10 partite in Nazionale.
È scomparso all'età di 58 anni Aldo Maldera, ex giocatore di Milan, Roma e Fiorentina, fratello minore di Attilio e Luigi. Lo apprende l'Ansa da fonti vicine alla famiglia. L'ex terzino sinistro, 10 presenze in Nazionale, ha vinto in carriera due scudetti, con il Milan nel 1978/79 e con la Roma nel 1982/83. Nel suo palmares anche due Coppe Italia.
Ultimo di tre fratelli, tanto da essere conosciuto come Maldera III, l'ex giallorosso da anni viveva a Fregene, sul litorale laziale, insieme con la moglie e tre figlie. Fu convocato anche per i Mondiali di Argentina '78, dove giocò soltanto la finale per il terzo posto. Dopo aver lasciato il calcio giocato, Maldera è stato nel 2009 direttore tecnico dei greci del Panionios, prima di tornare l'anno successivo in Italia dove ha ricoperto lo stesso incarico nell'Aranova, squadra laziale di seconda categoria.
"Il Milan ricorda Aldo Maldera, scomparso oggi all'età di 58 anni. Tutto il club - si legge in una nota - e i tifosi rossoneri si stringono intorno alla famiglia Maldera in questo triste momento e al nipote Andrea Maldera, attualmente assistente tecnico di mister Allegri".




Articolo di Antonio Carioti

MALDERA: TERZINO PER MESTIERE, BOMBER PER PASSIONE
Fu il capocannoniere del Milan che conquistò la stella, nel 1978-79, ma il nome di Aldo Maldera, mancato troppo presto ai suoi cari, in me rievoca altri due gol, segnati nei momenti più difficili del Diavolo. Perché lui, quando il buio si faceva fitto, era sempre l’ultimo ad arrendersi.
Estate 1977. Dopo una stagione disastrosa, in cui ha sfiorato la retrocessione. il Milan ha una possibilità di riscatto, la finale di Coppa Italia. Ma davanti ha un’Inter aggressiva, che domina nella prima mezz’ora. Nel secondo tempo Rivera batte una punizione dal limite: la sua palla morbida spiove in area e dal nulla, aggirando i difensori, arriva Maldera e trafigge Bordon. Finirà 2-0, quarta Coppa Italia rossonera.
Primavera 1982. Questa volta la retrocessione arriva (ed è la seconda…), ma nelle ultime cinque giornate il Milan lotta disperatamente e sfiora la salvezza. Dopo aver segnato uno splendido gol a Marassi contro il Genoa, Maldera si ripete a San Siro. Batte il portiere dell’Avellino con una spettacolare rovesciata, un gesto da goleador puro: quanti terzini nella storia del calcio avranno realizzato reti così? Poi corre verso la cancellata che separa il campo dagli spalti e si arrampica per raccogliere l’abbraccio dei tifosi. Uno dei pochi momenti di gioia in un’annata maledetta. Solo la sfortuna lo ferma: due settimane dopo, contro il Toro, colpisce la traversa: se quella palla fosse entrata, il Milan avrebbe evitato la B.
Hai segnato tanti altri importantissimi gol, caro Aldo, anche se di mestiere facevi il difensore. Hai vinto lo scudetto anche con la Roma del maestro Nils Liedoholm. Ma io ti ricorderò sempre così, aggrappato alla cancellata, in uno stadio pieno nonostante le sofferenze di quella brutta annata. Simbolo intrepido di un Diavolo che poteva spezzarsi, ma non si piegava mai.





Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere

(dal "Corriere della Sera"
del 28 febbraio 2012)
Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere

(dal sito www.ilgazzettino.it)
Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Messaggero")




Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere

(dalla "Gazzetta dello Sport" del 5 agosto 2012)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Romanista"
del 2 agosto 2012)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Romanista"
del 2 agosto 2012)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Romanista"
del 2 agosto 2012)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Romanista"
del 3 agosto 2012)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Romanista"
del 5 agosto 2012)



Clicca sull'immagine per ingrandire

Pezza "Maglia Rossonera" di Aldo Maldera
Clicca sull'immagine per ingrandire



Cliccare sull'immagine per ingrandire

27 ottobre 2012, Milan vs Genoa 1-0: bandierone in ricordo di Aldo Maldera che sventola nel settore 215
(grazie ad Emiliano Beretta)




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
9 maggio 2015, Milan vs Roma 2-1: nell'antistadio di San Siro, Maglia Rossonera
con Regina Cremonesi e Consuelo Maldera assieme alla pezza del grande Aldone Maldera
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire



Clicca sull'immagine per ingrandire

Statuina di Aldo Maldera
(di Giovanni Santacolomba)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Statuina di Aldo Maldera
(di Giovanni Santacolomba)






8 novembre 2018, consegna alla signora Maldera della statuina
di Aldo Maldera realizzata da Giovanni Santacolomba




Clicca sull'immagine per ingrandire

Statuina di Aldo Maldera
(di Giovanni Santacolomba)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Statuine di Aldo Maldera e Gianni Rivera
(di Giovanni Santacolomba)
Clicca sull'immagine per ingrandire

Statuina di Aldo Maldera
(di Giovanni Santacolomba)




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
8 novembre 2018, la consegna alla Signora Maldera della statuina di Aldo, realizzata da Giovanni Santacolomba
(by David Balou - facebook)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




Clicca sull'immagine per ingrandire Clicca sull'immagine per ingrandire
19 maggio 2020, la tomba di Aldo Maldera, che riposa presso il cimitero di Bresso (MI)
(by Daniela Fregolent)