Dario GAI

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page



(per gentile concessione
di Renato Orsingher)




Scheda statistiche giocatore
  Dario GAI

Nato il 21.04.1907 ad Alba (CN), † il 21.05.1992 a Bari

Centrocampista (C), m ....., kg .....

Stagioni al Milan: 2, 1926-27 e 1928-29

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Coppa Italia
il 06.01.1927: Milan vs Rivarolese 7-1

Ultima partita giocata con il Milan
il 23.05.1929: Casale vs Milan 3-3 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 18

Reti segnate: 9

Palmares rossonero: -




Ha giocato anche con la Dominante (*), il Bari (*), Sampierdarenese (B), il Taranto (*), il Cosenza (*).

Ha allenato il Barletta (*), il Gubbio (*), il Teramo (Prima Div.), il Matera (*), la Grumese (*), il Manfredonia (*).



Dal sito www.wikipedia.it

GIOCATORE
Debutta con il Milan nella Divisione Nazionale 1926-1927; con i rossoneri rimane fino al 1929, disputando in totale 18 gare (di cui 17 in Divisione Nazionale) e segnando 9 gol, di cui 7 in campionato. Nel 1929 passa alla Dominante in Serie B, dove rimane per una stagione.
L'anno successivo si trasferisce al Bari, e con i pugliesi rimane per tre anni, dei quali il primo in Serie B ed i due successivi in Serie A; in totale, oltre alle presenze con il Milan nell'allora Divisione Nazionale, colleziona in Serie A con il Bari 62 presenze mettendo a segno 10 reti. Dopo un altro campionato in Serie B con la Sampierdarenese, termina la carriera in Prima Divisione (l'anno seguente diventata Serie C) con il Taranto ed infine con il Cosenza.

ALLENATORE
Allena per diversi anni il Barletta sia nella Prima Divisione pugliese che nel campionato di Promozione Interregionale,[6] il Gubbio ed il Teramo sempre in Prima Divisione, il Matera in Promozione Interregionale[7], la Grumese[8] ed il Manfredonia in Prima Divisione pugliese.






(Archivio Luigi La Rocca)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dal libro di Antonucci sulla storia del Bari)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(per gentile concessione di Nicola Turrisi)