Dario DOLCI
"Panettòn"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page



(Archivio Magliarossonera.it)



Scheda statistiche giocatore
  Dario DOLCI

Nato il 05.03.1947 a Marostica (VI)

Mediano (C) e Stopper (D), m 1.80, kg 79

Stagioni al Milan: 2, dal 1972-73 al 1973-74

Soprannome: “Panettòn”

Proveniente dal Varese

Esordio nel Milan in gare ufficiali e nelle Coppe Europee il 27.09.1972: Milan vs Red Boys 3-0 (Coppa delle Coppe)

Esordio nel Milan in Campionato (Serie A) il 26.11.1972: Roma vs Milan 0-0

Ultima partita giocata con il Milan il 12.05.1974, Milano: Milan vs Bologna 1-1 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 36

Reti segnate: 0

Palmares rossonero: 1 Coppa delle Coppe (1972-73), 1 Coppa Italia (1972-73), 1 finale (ritorno) di Supercoppa Europea contro l'Ajax (1974)

Esordio assoluto in Serie A il 10.11.1968: Sampdoria vs Varese 4-0




Ha giocato anche con i Muratori Vignola (Dil.), il Modena (assieme a Leandro Remondini, allenatore e durante quel periodo, stagione 1967-68, è militare ad Orvieto insieme a Giorgio Rognoni) (B), il Varese (assieme agli allenatori Bruno Arcari prima e Nils Liedholm poi ed Armando Picchi, A e B), la Ternana (A), il L.R. Vicenza (B), la Spal (C), il Savona (assieme a Pierino Prati, C2), la Malnatese (Dil.).

Nell'arco della sua carriera di calciatore, non è stato mai espulso né ammonito.

"Arrivò al Milan nell'estate del 1972 grazie alle referenze di Giovanni Trapattoni, che lo segnalò a Nereo Rocco per farne un perno insostituibile della difesa rossonera. A lui, un ragazzo vissuto per alcuni anni in Venezuela, alto, longilineo, da sempre tifoso del Milan, quasi non sembra vero; ma la sua permanenza in rossonero non sarà molto fortunata, causa qualche incomprensione con il "Paròn" che gli preferisce Rosato, salvo poi, dopo la disfatta di Verona del maggio '73 che costò al Milan uno scudetto già vinto, prenderlo in disparte e confessargli, a posteriori, di avere sbagliato formazione e che al posto di Rosato avrebbe dovuto giocare lui. Comunque al termine della stagione 1972-73 Rosato viene ceduto al Genoa e per Dario Dolci sembrano schiudersi le porte per un posto da titolare nella stagione del riscatto rossonero. Macchè, Rocco anche in questo caso gli preferisce Turone, utilizzandolo con il contagocce quando ne aveva bisogno. Capita che, a novembre del '73 il Milan sia impegnato contro il Rapid Vienna in una trasferta di Coppa e che Rocco, qualche giorno prima dell'incontro, gli dica che dovrà prendersi cura di Krankl, l'astro nascente austriaco. Ebbene, il Nostro disputa forse la miglior partita in rossonero contro il baffuto attaccante non facendogli praticamente toccare palla, la squadra vince 2 a 0 e passa il turno. Nereo Rocco, negli spogliatoi, non solo non si complimenta con lui, ma quasi non lo guarda neanche in faccia.
Lui pensa: "Ma almeno una pacca sulla spalla, Mister...", no, niente di tutto questo. A ricoprirlo di elogi sono invece i giornalisti all'aeroporto, Enrico Ameri in testa. A lui fa piacere, certo, ma chiaramente non è la stessa cosa. Cosicché al termine della stagione viene mandato a Terni dove disputa, con i neopromossi umbri, un Campionato nella massima Serie, per poi andare a Vicenza, in B, a Ferrara con la Spal in C e chiudere la sua carriera agonistica con il Savona insieme al suo vecchio compagno di squadra Pierino Prati. Non ha voluto intraprendere la carriera di allenatore perché a suo modo di vedere il calcio è sempre meglio viverlo da protagonista sul rettangolo verde che non far parte di quella schiera di opinionisti i quali, il più delle volte, non hanno neanche mai dato un calcio ad un pallone, comunque è sempre grato al Milan, se non altro perché vestire la maglia rossonera lo ha fatto conoscere (e ricordare) al grande pubblico." (Nota di Colombo Labate). (Contattato telefonicamente l'interessato il 11.2.2000).



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Stagione 1972-73
(per gentile concessione di Renato Orsingher)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dolci in un duello con l'interista Boninsegna in un derby del 1972-73
(da "Intrepido")
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan vs Leeds 1973, finale di Coppa delle Coppe:
Dario Dolci alza il trofeo conquistato



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Dolci in un contrasto con D'Amico in Milan vs Lazio 0-0, stagione 1973-74. Sabadini segue l'azione
(da "Intrepido")



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Dario Dolci, esordio con il Savona
(da "La Stampa" del 10 dicembre 1978)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Dario Dolci vita difficile a Savona
(da "La Stampa" del 22 gennaio 1979)



Dal sito www.varesenoi.it
14 febbraio 2021

DARIO DOLCI: «IL MODENA MI SCOPRÌ ALL'ORATORIO, POI GLI ANNI BELLISSIMI IN UN VARESE GLORIOSO. PABLITO ROSSI? GRAN GIOCATORE... E BRAVISSIMO CANTANTE!»
I ricordi del "gigante buono" con più di 100 partite in biancorosso, i titoli al Milan, il Vicenza con l'eroe Mundial: «Amo la città e il lago, così sono rimasto qui. Io allenatore? No, sono troppo sensibile: ho aperto un negozio di articoli sportivi. E ora faccio il nonno»

Dario Dolci, il gigante buono, ha giocato tra il 1968 e il 1972 oltre 100 partite nel Varese, per poi passare al Milan per due anni (1972-1974) con mister Nereo Rocco, alla Ternana, al Lanerossi Vicenza giocando con il giovanissimo Paolo Rossi, alla Spal e infine al Savona insieme al suo compagno di squadra rossonero Pierino Prati. Dolci, come ha iniziato la sua lunga carriera calcistica?
Ho iniziato giovanissimo a giocare in una squadra dell'oratorio che si chiamava Muratori di Vignola, paese emiliano dove si erano trasferiti i miei genitori. Un giorno venne il parroco pieno di entusiasmo e mi disse che ero stato visto da alcuni osservatori del Modena: volevano farmi un provino. Andai subito, convincendo i miei genitori che il calcio era la mia passione, ma che non avrei abbandonato gli studi e che avrei lavorato per aiutare la famiglia. Superai brillantemente il provino e iniziai a giocare subito come titolare nelle giovanile della De Martino. La prima partita fu a Cagliari e dovevo marcare stretto Nene, che fu poi uno dei protagonisti dello scudetto del Cagliari. Fu una bellissima partita e con il brasiliano ci fu massimo rispetto, era un atleta e un uomo straordinario. Negli anni poi capitò di giocare ancora contro: conservo un bel ricordo di una grande lealtà sportiva. Poi arrivò la chiamata del Varese mentre ultimavo il servizio militare a Orvieto. Ci racconta il suo Varese?
Era un Varese glorioso, con Borghi, Della Giovanna, Picchi, Spelta, Traspedini, Renna, Bonatti, Maroso, Bettega, Nuti, Perego, Brignani, Prato... Il mio esordio fu con la Sampdoria con un risultato utile per la classifica, 0-0.
Che ricordi ha dei suoi compagni di quel periodo?
Bellissimi. E a Varese mi sentivo appagato. Mi piaceva la città e la zona dei laghi, ho conosciuto mia moglie e ho deciso di rimanervi per il resto degli anni. Mi sono trovato benissimo con i compagni. Arrivavano giovani in prestito perché il Varese era una scuola e un ambiente di livello. Tra i tanti arrivò Bettega. Si vide sin da subito come fosse un talento. Molto forte di testa, una straordinaria intelligenza tattica e tanta voglia di imparare con umiltà e sempre al servizio del gruppo.
Lei ha giocato da mediano e da stopper: quali sono stati gli avversari più forti che ha affrontato?
Molti... Riva, Bonisegna, Bigon, Prati e tanti altri. Si giocava in maniera diversa allora, la marcatura era... stretta. Personalmente mi aiutava la mia prestanza fisica. Le entrate però erano corrette, non sono mai stato espulso né ho mai fatto male agli avversari. Erano entrate ben calibrate. I due più difficili da bloccare erano Boninsegna e Riva. Erano veloci, sapevano farsi rispettare in campo pur sempre con un comportamento corretto; bastava un attimo di disattenzione e ti "fregavano".
Un ricordo su Rombo di Tuono?
Il ricordo è legato ad una vacanza premio che il presidente Giovanni Borghi regalò a tutta la squadra. L'antefatto è questo: il Cagliari venne a Varese e ci rifilò tre pere, tutte a firma Riva. La partita non fu troppa digerita da Borghi, in quanto voleva fare bella figura con il campione leggiunese. Così per la partita di ritorno ci portò in vacanza a Nizza nella sua villa a preparare l'incontro. Voleva riscattarsi. Mi affidarono la marcatura del grande bomber, anche perché non avevo giocato nella gara casalinga a causa infortunio. Allo stadio Amsicora di Cagliari, davanti a un pubblico meraviglioso, riuscimmo a strappare un pareggio a reti inviolate e Gigi mi fece i complimenti.
Poi lei passò al Milan.
Sì, arrivai ai rossoneri grazie a Trapattoni. Ero al settimo cielo perché sono sempre stato tifoso milanista. Giocai per due anni con il paròn Nereo Rocco, con Rivera, con Lodetti. La mia permanenza non fu però troppo felice, perché l'allenatore preferiva Rosato che era più duro ed incisivo a suo dire. Mi considerava troppo buono in campo, addirittura nell'ultima partita decisiva per il titolo di campioni d' Italia, nel 1973, preferì far giocare Rosato infortunato con il Verona. Perdemmo partita e titolo e ricordo che Rocco mi confessò di aver sbagliato... Giocai le partite di Coppa, dove ho dovuto prendere le misure a Krankl, fortissimo centravanti del Rapid Vienna. Vincemmo per 2-0 passando il turno, ma dal mister non ricevetti nemmeno una pacca sulla spalla. E pensare che avevo dalla mia parte i telecronisti sportivi come Enrico Ameri e Nando Martellini che mi portavano sempre in palmo di mano... Comunque con i rossoneri ho vinto la Coppa Italia, la Coppa delle Coppe e la Supercoppa Europea contro l' Ajax. Giocavo prevalentemente le partite di coppa... Vai a capire le idee del mister.
Ha poi conosciuto Pablito Rossi...
Dopo l'esperienza bellissima in serie A con la Ternana, fui trasferito a Vicenza. Una grande soddisfazione: respiravo aria di casa essendo nato a Marostica. Arrivarono dalla Juventus Rossi e Verza in prestito, due ragazzi straordinari. Pablito era una furia: una velocità incredibile, grande voglia di imparare trucchi e segreti del mestiere. Non smetteva mai di correre, era sempre sorridente ed educato. Si è fatto subito voler bene dai tifosi e dai compagni. Era veramente empatico e cantava sempre, era anche intonato... Avrebbe potuto fare il cantante!
Dolci, perché terminata la carriera non ha mai allenato?
Non riesco, sono troppo buono: non riesco a dire a qualcuno di non giocare, sono molto sensibile... Ho preferito aprire un negozio di articoli sportivi.
E ora cosa fa?
Il nonno! Passeggio per la pista ciclabile a Gavirate, seguo le partite del Milan e del Varese, sperando che ritorni presto in vetta alla classifica. Varese si merita una squadra di calcio di alto livello perché ha una grande tradizione. Nei biancorossi hanno giocato pezzi di storia del calcio nazionale e mondiale.