Luigi CEVENINI (III)
"Zizì"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page



Foto Archivio Luigi La Rocca



Scheda statistiche giocatore
  Luigi CEVENINI (III)

Nato il 16.03.1895 a Milano, † il 23.07.1968 a Masano di Villa Guardia (CO)

Interno sinistro (A), m 1.66, kg 62

Stagioni al Milan: 5, 1911-12 e dal 1915-16 al 1918-19

Soprannome: “Zizì”

Cresciuto nel Milan

Esordio nel Milan in gare amichevoli il 17.03.1912:Milan vs Liguria 3-0

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Campionato (1^ Categoria) il 28.04.1912: Milan vs Genoa 1-0

Ultima partita giocata con il Milan il 09.03.1919: U.S. Milanese vs Milan 2-1 (Campionato - Coppa Mauro)

Ultima partita amichevole giocata con il Milan nel gennaio 1925: Milan vs Rapid Vienna 4-4

Totale presenze in gare ufficiali: 8

Reti segnate: 7

Palmares rossonero: -

Palmares personale: 2 Titoli di Capocannoniere in Campionato (1919-20 - 23 reti, 1920-21 - 31 reti, Internazionale), 1 Scudetto (1919-20, Internazionale), 1 Scudetto (1921-22, Novese)




Ha giocato anche con l'Internazionale (A), la Juventus (A).

"E' il pi¨ famoso dei cinque fratelli tutti calciatori. Formidabile attaccante: estroso e virtuoso, bizzarro e dribblomane. Era soprannominato "Zizý" per la sua parlantina sfinente, irritante, furba e sfottente." (Dal sito inter. it)

"Terzo di cinque fratelli. E' il primo funambolo del calcio italiano. Tutta la sua storia Ŕ in quel soprannome "Zizý" per imitare il ronzio della zanzara che provoca insofferenza e fastidio; cosý lui faceva ammattire i difensori avversari. Figlio di un lattaio di via Vincenzo Monti, Ŕ una mezzala tutta dribbling e fantasia. La sua grandezza sta nell'abilitÓ di palleggiare e di saper andare in gol ubriacando i difensori avversari. SarÓ il primo calciatore a cercar gloria in Inghilterra. Infatti, ai tempi in cui militava nell'Inter, si racconta che alla vigilia di un importante incontro, si allontan˛, senza darne notizia, per recarsi a Londra e confrontarsi con i calciatori professionisti; importanti club inglesi gli fecero proposte di contratto ma lui scomparve misteriosamente facendo ritorno in Italia. Il grande Zizý pu˛ essere pertanto considerato il primo calciatore italiano ad aver calcato, anche se in amichevoli, i campi d'erba inglesi. Aveva un carattere fumantino, in campo chiacchierava continuamente, dribblava come una trottola. Dopo una breve parentesi iniziale nel Milan, esordý in prima divisione (allora 1a categoria) con la maglia dell'Inter il 3 novembre 1912: Inter-Genoa 2-3. Nel periodo della prima guerra mondiale Ŕ al Milan, ma non vengono disputati campionati ufficiali. Ritorna all'Inter nella stagione 1919-20 vincendo subito il campionato. Rimase all'Inter sino al 1926-27 con l'eccezione del campionato 1921-22 trascorso alla Novese. Era il famoso campionato spezzato in due (F.I.G.C. e C.C.I.) e lui vinse con la Novese quello della F.I.G.C. Nel 1927-28 passa alla Juve e vi rimane sino al 1929-30. Nel 1930-31 arriva a Messina con la duplice funzione di giocatore e allenatore. Con il Messina taglia il traguardo della promozione in serie B al termine della stagione 1931-32 e delle finali promozione, contribuendo in maniera decisiva e mostrando lampi di classe cristallina. Nel 1932-33 sarÓ l'allenatore-giocatore dell'U.S.Peloro.
Aveva esordito in nazionale il 31.01.1915 a Torino, in Italia-Svizzera 3-1; a quel tempo militava nell'Internazionale di Milano. Nel suo Albo d'oro figurano 29 presenze e 11 reti in Nazionale A (22 con la maglia dell'Inter; 4 con la maglia della Novese e 3 con la maglia della Juventus); 3 presenze e 2 reti in Nazionale B dove esordý il 17 aprile 1927: Lussemburgo A - Italia B 1-5; 2 scudetti: con l'Inter e la Novese; una promozione in serie B con il Messina. In tutto, con eccezione del campionato disputato nella Novese, ha disputato 258 presenze e 179 reti in serie A (Inter 190/156; Milan 1/1; Juventus 67/22); 49 presenze e 28 reti in 1a divisione (serie C) con la maglia del Messina. E' morto nel 1968." (dal sito www.messinastory.it)







"Nato a Milano i1 13 marzo 1895. Passa agli archivi come Cevenini III░ (Ŕ infatti il terzo di cinque fratelli esibitisi contemporaneamente negli anni eroici del nostro calcio), per la lingua pungente ed instancabile viene comunque ben presto soprannominato "Zizý". Personaggio bizzarro, ma calciatore sublime, si disimpegna nei ruoli pi¨ disparati e sempre con classe limpidissima e grande intelligenza tattica. Indossa per un quadriennio la maglia dell'Inter con la quale lega il suo nome allo scudetto 1920. Nel 1921 raggiunge la Novese (dove vince il campionato 1922) e rientrato all'Inter si separa definitivamente dai colori nerazzurri nel 1927 per approdare alla Juventus dove l'attende l'ingrato compito di sostituire l'ungherese Hirzer (la famosa "gazzella") che ha dovuto lasciare la Penisola per una norma della Federazione che vieta agli stranieri di prendere parte al nostro campionato. In bianconero rimane fino a trentacinque anni suonati collezionando in tre stagioni 69 presenze (67 in campionato e 2 nella Coppa dell'Europa Centrale) e 21 goals in campionato. Con la Nazionale A, della quale Ŕ 7 volte capitano, Ŕ azzurro in 29 occasioni e realizza 3 goals.
Caminiti lo ricorda in questo modo:
źLa Juventus ingaggia "Zizý", il terzo di questi fratellastri sempre affamati e sempre affumati (il fumatore pi¨ incallito Ŕ lui, va anche in campo con la sigaretta infilata dappertutto), per sentirsi pi¨ forte, le ambizioni con l'avvento della Famiglia Agnelli sono naturalmente cresciute.
"Zizý" arriva con Barisone, Galluzzi e Mario Varglien; si va a tentoni, il falso conte (Mazzonis non ha le velleitÓ di mostrarsi di sangue blu) cerca di affidare a Carlo Carcano alessandrino giocatori validi. E "Zizý" Cevenini gode fama di essere un autentico virtuoso, un fenomeno del dribbling e del goal di possesso come non se ne sono mai veduti, ed in effetti, questo trentaquattrenne dal naso grifagno, dal taglio del labbro vizioso, mezzo storto mezzo gobbo, che calza scarpe di cuoio di sua (e dei fratelli) fabbricazione, merita tutta la sua fama. Per anni nell'Inter ha dribblato intere squadre, segnando e facendo segnare fantastici goals. ╚ il simbolo di come l'italiano medio considera il calciatore di classe, un dribblomane, un solista senza padroni, un cane sciolto a caccia di emozioni speciali, che sgrida alla voce i compagni, che si sente il pi¨ bravo da dieci a zero e lo vomita in faccia a tutti.
In allenamento, la sua abilitÓ nel calciare da fermo era cosý assoluta da mettere spesso in crisi il grande Combi. Alla partita, cominciava a dribblare, con fanatico impegno, e guai a non passargli il pallone. Grifagno come il suo naso, ed ad ogni impresa pedatoria aduso, pur di arrivare al goal da solo, senza dovere chiedere l'aiuto di nessuno. E che non si osassero di non passargli il pallone; tanto la gente, in quei declinanti anni Venti, si divertiva al calcio ancora da noi football, soltanto vedendolo giocare.╗ " (dal sito www.juventus1897.it)






(da "Il grande Milan nella grande guerra. La Coppa Federale 1915-16" - P. Brivio, L. La Rocca, E. Tosi - ediz. Anniversary Books)




CARRIERA IN CAMPIONATO
STAGIONE SQUADRA PRESENZE RETI

1911-12

Milan

1

1

1912-13

Internazionale

10

2

1913-14

Internazionale

28

37

1914-15

Internazionale

17

24

1915-16

Milan

1

0

1916-17

Milan

2

0

1917-18

Milan

1

2

1918-19

Milan

3

4

1919-20

Internazionale

21

23

1920-21

Internazionale

19

31

1921-22

Novese

-

-

1922-23

Internazionale

19

7

1923-24

Internazionale

20

6

1924-25

Internazionale

19

12

1925-26

Internazionale

15

5

1926-27

Internazionale

22

9

1927-28

Juventus

29

12

1928-29

Juventus

22

8

1929-30

Juventus

16

2

1930-31

Messina

19

10

1931-32

Messina

30

18

1932-33

Peloro

-

-




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Luigi Cevenini in una formazione dell'Internazionale nel 1913-14
All'atto della fondazione dell'Internazionale di Milano, avvenuta a seguito di una scissione interna del Milan,
diversi atleti e dirigenti rossoneri attraversarono il Naviglio sistemandosi sull'altra sponda



Cliccare sull'immagine per ingrandire

F.C. Internazionale 1914-15. Si riconoscono, da sinistra, gli ex milanisti Aebi, Fossati, Cevenini III, Cevenini I, Rizzi, J. Bavastro
(dal sito www.atletiederoi.it)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina di Luigi Cevenini III, 1915-16
(dal sito www.atletiederoi.it)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina di Luigi Cevenini III, 1915-16
(dal sito www.atletiederoi.it)










Luigi Cevenini dopo aver terminato la carriera di calciatore
(dal sito www.messinastory.com)





(da "La Stampa Sportiva" del 25 gennaio 1920)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

I fratelli Cevenini con la maglia dell'Inter
(Foto Archivio Luigi La Rocca)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

La foto dei fratelli Cevenini
ricolorata digitalmente con colori rossoneri da Lorenzo Mondelli
Cliccare sull'immagine per ingrandire

La foto dei fratelli Cevenini ricolorata digitalmente
con colori rossoneri e stemma di Milano da Lorenzo Mondelli



Cliccare sull'immagine per ingrandire

30 gennaio 1921, Milan vs Internazionale 1-1,
i fratelli Cevenini con la maglia dell'Inter:
da sinistra Mario, Aldo e Luigi; seduti Cesare e Carlo
Cliccare sull'immagine per ingrandire

I fratelli Cevenini
(Foto Archivio Luigi La Rocca)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Figurina scheda calciatori edizioni "Sport Napoli", Milan 1958-59: i fratelli Cevenini



Cliccare sull'immagine per ingrandire

29 maggio 1924, Torneo "Lombardi e Macchi", Milan vs Inter 5-2:
Cevenini III (Inter) e Cevenini V (Milan) prima della partita


(per gentile concessione di Lorenzo Mondelli)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Zizý Cevenini in una caricatura di Franco Bruna
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Articolo di Davide Rota, tratto dal "Guerin Sportivo", 2005



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Articolo relativo a Luigi Cevenini comparso sulla rivista "Tutti gli Sports", stagione 1924-25



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(dalla rivista "Oggi")



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Nella foto centrale: a sinistra, Ciro Mario Cevenini II, e a destra Luigi Cevenini III
(da "Lo Sport Illustrato")