Riccardo CARAPELLESE
"Carappa"

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page

Foto Archivio
Luigi La Rocca, Milano




Scheda statistiche giocatore
  Riccardo CARAPELLESE

Nato l'01.07.1922 a Cerignola (FG), † il 20.10.1995 a Rapallo (GE)

Ala (A), m 1.68, kg 65

Stagioni al Milan: 3, dal 1946-47 al 1948-49

Soprannome: “Carappa”

Proveniente dal Novara

Esordio nel Milan in gare ufficiali ed in Campionato (Serie A) il 22.09.1946: Milan vs Vicenza 2-3

Ultima partita giocata con il Milan il 05.06.1949: Milan vs Sampdoria 3-2 (Campionato)

Totale presenze in gare ufficiali: 106

Reti segnate: 52

Palmares rossonero: -

Esordio in Nazionale Italiana il 09.11.1947: Austria vs Italia 5-1

Ultima partita giocata in Nazionale Italiana il 25.04
.1956: Italia vs Brasile 3-0

Totale presenze in Nazionale Italiana: 16

Reti segnate in Nazionale Italiana: 10

Uno dei pochi calciatori che ha giocato in Azzurro con il "blocco" composto da 10 giocatori del "Grande Torino"




Ha giocato anche con lo Spezia (B), il Como (B), il Torino (A), la Juventus (A), il Genoa (A), il Catania (A), il Novara (A).

"Palla incollata al piede, serpentine e finte da annichilire l'avversario, buon difensore della palla, stoccatore da breve distanza in quanto non dotato di lunga gittata. La sua presenza in campo, oltre che utilissima per i compagni, valeva per lo spettatore una serie di divertenti spettacoli che egli sciorinava da par suo, esaltandosi lui stesso." (dal "Dizionario del calcio" Ed. Rizzoli 1990)

"Ala imprendibile di gran talento, dallo scatto bruciante e dalla serpentina ubriacante. Ha colpi di classe cristallina, ottima tecnica, un controllo di palla finissimo ed una notevole facilità di realizzazione. Con i rossoneri debutta in Serie A, e gioca sempre ad ottimi livelli." (Da La Grande Storia del Milan, Gazsport 2005)

Era sposato con la signora Costanza che gli aveva dato due figli, Massimo e Daniela. Fu sospeso dalla società rossonera a causa delle sue assidue frequentazioni femminili, che nel causarono un alterno rendimento. La figlia Daniela venne a mancare nella casa paterna di Rapallo (GE) il 18.1.1984, all'età di trent'anni, a causa di problemi legati alla droga e successivamente all'alcol, iniziati nel giugno del 1970, a diciassette anni, per una delusione d'amore e che l'hanno portata anche a qualche mese di carcere per furto e spaccio di stupefacenti, oltre che a dei tentativi di suicidio (Sky Sport ha fatto una trasmissione a lei dedicata nel 2004). Gli ultimi anni di vita li ha vissuti in povertà e nel 1990 il governo sportivo stanziò per lui un assegno annuale per meriti sportivi.



Dal sito www.juventus1897.it

Riccardo Carapellese, è ricordato come un irrequieto nomade del pallone; iniziò, infatti, la carriera nello Spezia, per poi indossare la casacca nerostellata del Casale, quindi quella del Vigevano, del Como e del Novara, approdando infine al Milan. Sempre in alta Italia, dunque. E quando la squadra del "Grande Torino" perì a Superga, Carapellese accettò di buon grado l'ingaggio da parte della rinnovatissima formazione granata.
All'inizio della stagione 1952-53 arrivò alla Juventus. Gli bastavano, quando era in vena, il suggerimento di un mediano, il lancio di un terzino, una qualsiasi situazione tattica favorevole, per farlo diventare un "cavallo grigio" della squadra, cioè un destriero di pelo insolito che gli scommettitori avveduti degli ippodromi non trascurano mai, pena le conseguenze amare della sorpresa. Sorprendente ed inatteso era il modo con il quale "Carappa" era solito impostare la sua azione, prettamente individuale. Uncinava il cuoio con uno stop sicuro ed efficace; in un baleno valutava la situazione, misurava la distanza e contava gli avversari. La sua manovra non obbediva mai a regole fisse, a schemi didattici; nasceva, viveva e si concludeva al puro stato di invenzione e proprio per questo risultava irripetibile ed imprevedibile. Se qualcuno avesse avuto modo di seguire e marcare con il gesso sull'erba il percorso dell'azione di Carapellese, si sarebbe trovato una varietà di disegni, di tracciati e di ghirigori. Il tiro finale, per lo più irresistibile, anche se talora viziato dall'errore di mira, era la risultante di una miscela di serpentine e di guizzi, di andate e di ritorni, di rettilinei e di svolte, di imbrogli e di burle.
La partita, per tutto il tempo della durata dell'azione di Carapellese, si arrestava e si bloccava, quasi estasiata ad osservarla e diventava esclusivamente "sua"; il potere di suggestione che Riccardo sapeva esercitare sui compagni e sulla folla era tale che il goal, quando arrivava, esplodeva in un grandissimo abbraccio e acclamazione.
Nella Juventus di quell'epoca, Carapellese ebbe compagni illustri: Boniperti, Parola, Muccinelli, Mari, Corradi, Viola, John Hansen e Praest. Giocò all'ala sinistra e sulla fascia destra, ora al posto di Praest, ora con la maglia di Muccinelli; lo sperimentarono anche come centrattacco, sostituendo "Bibi" Vivolo. Si trovò tra i campioni in senso assoluto, ma non sfigurò mai; anzi, la presenza di tanti fuoriclasse lo esaltò al punto di risultare sempre tra i migliori in campo.






L'arrivo di Riccardo Carapellese al Milan
(da "Il Calcio Illustrato", 1946)


Carapellese in azzurro




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Mario Tosolini e Riccardo Carapellese, stagione 1946-47
(per gentile concessione di Riccardo Gaggero)





(per gentile concessione di Giorgio Verzini)


Carapellese al tiro in Roma-Milan 1-4 del 23 novembre 1947
(da "La Grande Storia dl Calcio", La Casa dello Sport)





(dal "Corriere dello Sport" del 5 aprile 1947)


(dal "Corriere dello Sport"
del 15 dicembre 1947)


(dal "Corriere dello Sport"
del 28 agosto 1948)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina autografata da Riccardo Carapellese: 27 gennaio 1949, Milan vs Pro Patria 3-2, il Milan in cui esordisce Gunnar Nordahl.
In piedi, da sinistra: Sloan, Nordahl III, Gudmundsson, Annovazzi, Tognon, De Gregori.
Accosciati, da sinistra: Milanese, Bonomi, Carapellese, Burini, Gratton
(per gentile concessione di Massimiliano Pelo e Luigi La Rocca)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Permesso di soggiorno per la spedizione Mondiale in Brasile, 1950
(per gentile concessione di Ivano Piermarini)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Riccardo Carapellese nel Milan più forte di tutti i tempi in un disegno di Franco Bruna del 1985.
Da sinistra in piedi: Cudicini, Collovati, Schnellinger, Liedholm, Rosato, Schiaffino
Accosciati: Hamrin, Gren, Nordahl, Rivera ed, appunto, Carapellese
(dalla rivista "Supergol", 1985)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Riccardo Carapellese su "Lo Sport Illustrato", maggio 1956



Cliccare sull'immagine per ingrandire





(Archivio Magliarossonera.it)


(da "Il Milan Racconta")





Riccardo Carapellese con le Vecchie Glorie Rossonere (il primo da destra): in compagnia di Frignani, Beraldo, Liedholm e Gren
(Foto Archivio Luigi La Rocca)





Riccardo Carapellese nel Milan 1946-47 (accosciato, è il secondo da sinistra)
(da "Il Calcio Illustrato")





(dal "Corriere dello Sport", estate 1949)


Giugno 1949, Riccardo Carapellese saluta il Milan: va al Torino





Fraterno abbraccio tra Riccardo Carapellese e Gunnar Nordahl, 1955-56
(da "Lo Sport Illustrato")





(da "Lo Sport Illustrato")


(da "Il Calcio Illustrato")



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Pubblicità Motta, 1948


Riccardo Carapellese con la maglia della Nazionale, 1956



Cliccare sull'immagine per ingrandire

18 gennaio 1984, la scomparsa di Daniela Carapellese, figlia di Riccardo
(da "La Domenica del Corriere")