Francesco ACERBI

< GIOCATORI
  Ritorna all'Home Page

(Archivio Magliarossonera.it)


Scheda statistiche giocatore
  Francesco ACERBI

Nato il 10.02.1988 a Vizzolo Predabissi (MI)

Difensore (D), m 1.92, kg 88

Stagioni al Milan: 1, 2012-13

Proveniente dal Chievo Verona

Esordio nel Milan in gare ufficiali e in Campionato (Serie A) l'01.09.2012: Bologna vs Milan 1-3

Esordio nelle Coppe Europee (Champions League) il 24.09.2012: Malaga vs Milan 1-0

Ultima partita giocata nel Milan
il 09.01.2013: Juventus vs Milan 2-1 d.t.s. (Coppa Italia)

Totale presenze in gare ufficiali: 10

Reti segnate: 0

Palmares rossonero: -

Esordio in Nazionale Italiana -

Totale presenze in Nazionale Italiana: -

Reti segnate in Nazionale Italiana: -




Ha giocato anche con il Pavia (C1), il Renate (*), la Triestina (B), lo Spezia (B), la Reggina (B), il Chievo (A), il Sassuolo (A).




Cloccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina di Francesco Acerbi, 2012-13
Cloccare sull'immagine per ingrandire

Cartolina autografata di Francesco Acerbi, 2012-13
(per gentile concessione di Riccardo Gaggero)





Antonio Nocerino con la maglia dedicata a Francesco Acerbi



Dal sito www.milannews.it
26 ottobre 2019

ACERBI: "AL MILAN, DOPO LA MORTE DI MIO PADRE, HO TOCCATO IL FONDO: BEVEVO DI TUTTO"
Il difensore della Lazio, Francesco Acerbi, Ŕ stato intervistato dal quotidiano La Repubblica. Ecco alcune dichiarazioni: "Mia madre mi ha educato alla bontÓ, mio padre mi ha trasmesso la tenacia e l'ambizione. Ho sempre avuto bisogno di un avversario per dare il massimo, l'ho idealizzato per molto tempo nella figura paterna. Dopo la morte di mio padre sono precipitato e ho toccato il fondo. Ero al Milan, mi sono venuti a mancare gli stimoli, non sapevo pi¨ giocare. Mi sono messo a bere, bevevo di tutto. Pu˛ sembrare un paradosso terribile, ma mi ha salvato il cancro. Avevo di nuovo qualcosa contro cui lottare, un limite da oltrepassare. Come se mi toccasse vivere una seconda volta. E sono ritornato bambino. Sono riaffiorate immagini che avevo completamente dimenticato".