Italo GALBIATI

< ALLENATORI
  Ritorna all'Home Page



(Archivio Magliarossonera.it)


Scheda statistiche allenatore
  Italo GALBIATI

Nato l'08.08.1937 a Milano

Allenatore, Allenatore in Seconda e Allenatore Squadra "Primavera", m ....., kg .....

Stagioni al Milan: 14, Allenatore nel 1980-81 (subentrato a Massimo Giacomini a giugno 1981), nel 1981-82 (subentrato a Luigi Radice a gennaio 1982) e nel 1983-84 (subentrato ad Ilario Castagner il 31 marzo 1984) e Allenatore in Seconda dal 1982-83 al 1983-84 (secondo di Ilario Castagner), dal 1987-88 al 1990-91 (secondo di Arrigo Sacchi), dal 1991-92 al 1995-96 (secondo di Fabio Capello) e 1997-98 (secondo di Fabio Capello).
Allenatore Squadra "Primavera" dal 1980-81 al 1981-82 e nel 1986-87.

Esordio sulla panchina del Milan in gare ufficiali e in Campionato (Serie B) il 21.06
.1981: Pescara vs Milan 1-0

Ultima partita sulla panchina del Milan
il 10.06.1984: Milan vs Roma 1-2 (Coppa Italia)

Totale panchine in gare ufficiali: 26

Palmares rossonero da Allenatore: 1 Promozione in Serie A (1980-81)

Palmares rossonero da Allenatore in Seconda: 5 Scudetti (1987-88, 1991-92, 1992-93, 1993-94, 1995-96), 3 Coppe dei Campioni (1989, 1990, 1994), 2 Coppe Intercontinentali (1989, 1990), 3 Supercoppe Europee (1989, 1990, 1994), 4 Supercoppe di Lega (1989, 1992, 1993, 1994)

Palmares personale: 1 Campionato Spagnolo (1996-97, Real Madrid - da Allenatore in Seconda con Fabio Capello), 1 Campionato Italiano (2000-01, Roma - da Allenatore in Seconda con Fabio Capello)




Ha giocato nel ruolo di mediano sinistro con il Lecco (A, B), il Como (C) e l'Inter (A).

Dal 1970, con una breve parentesi di un anno all'Inter (1972-73) entrò a far parte a pieno titolo (anche come Responsabile) del settore giovanile rossonero.

Allenatore in Seconda (sempre con Fabio Capello) anche del Real Madrid, della Roma, della Juventus e della Nazionale Inglese (dal 2008, attualmente in carica).

Nel 2007-08 è stato richiamato dal Milan in qualità di Osservatore.

"C'è solo una cosa che Italo Galbiati ama come il calcio: stare dietro le quinte. Lui che di cose rossonere ne sa come pochi e che potrebbe raccontarle per giorni sulle prime pagine di tutti i giornali, preferisce continuare il suo lavoro. Sul campo, fra i suoi ragazzi, a fianco dell'allenatore. Grande depositario di tutto, esternatore del nulla. Galbiati sa dare valore al silenzio." (Da Figurine "Master Card Edizione 1992-93)

"Realizza poche imprese da calciatore, si riscatta da allenatore. Prima di passare in rossonero (è stato il vice di Fabio Capello alla Juventus, al Real Madrid ed alla Roma, n.d.L.), lavora per il vivaio interista. Fiore all'occhiello: la scoperta di Bergomi." (Dal sito inter.it)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Una Squadra Giovanile del Milan 1970-71 a Coverciano. Italo Galbiati è il primo in piedi, da sinistra
(per gentile concessione di Rossano Corti)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

La rosa del Milan 1971-72
(da "Forza Milan!", per gentile concessione di Renato Orsingher)


Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere






Ai tempi dell'Internazionale, 1959
(dal sito www.inter.it)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(Archivio Magliarossonera.it)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Italo Galbiati, stagione 1981-82
Cliccare sull'immagine per ingrandire

San Siro: Italo Galbiati, Maurizio Mosca e Rino Ammendola
(per gentile concessione di Lorenzo Ammendola)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Collovati, Jordan, Galbiati e Piotti in allenamento, 1981-82



Cliccare sull'immagine per ingrandire

31 gennaio 1982, Fiorentina vs Milan 1-0,
la panchina rossonera, con il dirigente accompagnatore Franco Ghizzo, il dottor G.B. Monti e Italo Galbiati
(per gentile concessione di Andrea Leva)





Stagione 1989-90


Stagione 1992-93



Dal sito milanblogclub.iobloggo.com
di Sergio Taccone

ITALO IL BUONO, MISTER EMERGENZA
Ha vissuto momenti difficili e altri trionfali. Al termine della stagione 81/82 sfiorò la salvezza dopo aver vinto la Mitropa Cup. Poi, accanto a Sacchi e Capello negli anni trionfali dell’era Berlusconi
Italo Galbiati, scopritore di talenti, allenatore in seconda, uomo che ha sempre prediletto di stare dietro le quinte. Da giocatore fu un mediano, con un passaggio anche all’Inter. E’ uno che sa di Milan come pochi, avendo vissuto vari momenti della società rossonera. Nei primi anni 80 fu chiamato spesso a portare a termine alcuni campionati, dopo esoneri e abbandoni improvvisi.
Fu così nel giugno ’81: Giacomini, a promozione acquisita, si dimise in aperta polemica con Rivera e Vitali. In panchina, nell’ultima giornata di B, contro il Pescara, andò Galbiati che poi guidò il Milan nella prima edizione del Mundialito Clubs, kermesse che sancì il ritorno rossonero nel calcio che conta. Con Gigi Radice, chiamato a riportare in alto i colori rossoneri, Italo occupò nuovamente il ruolo di secondo, un braccio destro affidabile, competente ed umile.
La squadra rossonera, che sembrava in grado di competere con le grandi della A, finì nelle secche ammorbanti del fondo della classifica, da dove non riuscì a risalire. Esonerato l’ex tecnico del Toro scudettato nel ’76, Galbiati fu chiamato ad una vera “missione impossibile”, la salvezza, avendo preso il diavolo al penultimo posto, con soli 12 punti dopo sedici giornate, in piena bagarre retrocessione.
Il risveglio dei rossoneri arrivò fuori tempo massimo, vanificando persino un finale di stagione con un andamento da squadra in lotta per il titolo. Da allenatore “titolare” ha conquistato soltanto la Mitropa Cup, quel mercoledì 12 maggio ’82 in cui il Milan piegò i cecoslovacchi del Vitkovice con i gol su rigore di Baresi e Jordan e la staffilata da cineteca di Cambiaghi.
A Cesena, nel pomeriggio che condannò il Milan alla seconda retrocessione, rimase la sua espressione delusa dopo aver appreso del pareggio del genoano Faccenda, complice il “pasticciaccio” di Castellini.
Tornò vice-allenatore con Ilario Castagner, con il quale condivise la trionfale cavalcata nella B 82/83. Un anno dopo, Farina affidò a Galbiati la panchina dopo l’esonero dell’ex tecnico del Perugia, accusato dal presidente rossonero di essersi accordato con l’Inter.
Dal “Piccolo diavolo” al “Diavolo dominatore” passarono pochi anni. Nel 1987/88 era il vice di Arrigo Sacchi. Stagioni che hanno permesso a Galbiati, che rimase vice anche con Fabio Capello, di seguire da un osservatorio privilegiato l’epopea del Milan trionfatore in Italia, in Europa e nel Mondo.
Nel febbraio del 1992, il grande “milanogo” del Corriere della Sera, Alberto Costa, lo definì “un'istituzione rossonera”. Il supervisore del settore giovanile, l’abile scopritore di talenti, successivamente svezzati con grande competenza, l’osservatore capace di restare ad alti livelli per anni e anni.
“Un bonario carabiniere in rossonero”, aggiunse Costa, capace di “dare ripetizioni di tecnica calcistica a chi avverte la necessità di un aggiornamento professionale”, per limare i piedi, come amava ripetere Galbiati.
Il migliore ritratto di Italo Galbiati è quello che una marca di figurine pubblicò nei primi anni Novanta. Eccolo: “Lui che di cose rossonere ne sa come pochi e che potrebbe raccontarle per giorni sulle prime pagine di tutti i giornali, preferisce continuare il suo lavoro. Sul campo, fra i suoi ragazzi, a fianco dell'allenatore. Grande depositario di tutto, esternatore del nulla. Galbiati sa dare valore al silenzio”.




Cliccare sull'immagine per ingrandire

16 maggio 1982, Cesena vs Milan 2-3: Farina si dispera dopo aver appreso
del pareggio del Genoa a Napoli. Sulla destra, Italo Galbiati
(Archivio Magliarossonera.it
)