Ritorno ai tabellini delle partite
 
< Partita precedente

   


13 dicembre 2018, Olympiacos Pireo vs Milan 3-1




dal sito www.milannews.it

PROBABILE FORMAZIONE - GATTUSO NE CAMBIA DUE RISPETTO AL TORINO. REINA TORNA TITOLARE IN COPPA, CASTIELLJO PRENDE IL POSTO DI SUSO
Gennaro Gattuso non si è nascosto davanti all’Olympiakos, sottolineando in conferenza stampa tutta l’importanza della partita. La gara di domani sera, per usare le parole del tecnico rossonero, è fondamentale per la società e per tutti noi. I due risultati utili su tre, quindi, non tranquillizzano Gattuso che ha dimostrato consapevolezza riguardo i pericoli del match, provenienti tanto dal campo quanto dagli spalti dello stadio Karaiskakis. Per questo motivo, le variazioni nella rosa milanista saranno limitate, soltanto due.
REINA IN PORTA, ABATE CONFERMATO – Gennaro Gattuso dovrebbe riconfermare l’undici titolare schierato nel pari di San Siro contro il Torino, con sole due novità. La prima di queste, annunciata, sarà la presenza di Pepe Reina tra i pali. Il portiere spagnolo è infatti designato alle coppe e domani sarà regolarmente in campo. Davanti a lui, Abate giocherà la terza partita consecutiva da difensore centrale, al fianco di Zapata, nonostante il rientro tra i convocati di Musacchio, non ancora pronto per partire dall’inizio dopo la lesione al legamento crociato posteriore. Infine, Calabria e Rodriguez saranno i terzini.
SUSO NON AL MEGLIO, C’È CASTILLEJO – La condizione di Suso è una delle note dolenti della giornata odierna. Gattuso, in conferenza, ha precisato che a livello strumentale lo spagnolo non ha niente, pur accusando alcuni fastidi. Per questa ragione, il tecnico rossonero sarebbe intenzionato a non rischiare il numero 8, lanciando al suo posto Samu Castillejo, che in stagione ha già dimostrato di saper far bene. Dalla parte opposta del centrocampo sarà confermato anche Hakan Calhanoglu, alla ricerca della forma migliore dopo il lampo visto contro il Dudelange.
ALLA RICERCA DEL GOL –  Gonzalo Higuain e Patrick Cutrone comporranno il terminale offensivo nel 4-4-2 disegnato da Mister Gattuso. Entrambi i centravanti saranno determinati a trovare la rete contro la formazione greca per ragioni differenti. Infatti, mentre l’argentino sta ancora provando a sbloccarsi dopo il rientro dalla squalifica in Serie A, il numero 63 vorrà confermare il buon momento di forma, andando a caccia del gol numero 11 in Europa League.
Questa dunque la probabile formazione del Milan (4-4-2): Reina; Calabria, Abate, Zapata, Rodriguez; Castillejo, Kessie, Bakayoko, Calhanoglu; Cutrone, Higuain.



dal sito www.sportmediaset.it

EUROPA LEAGUE, IL MILAN AI TIFOSI: "NON PRENDETE MEZZI E NON VESTITEVI DI ROSSONERO"
Sul sito ufficiale dei rossoneri spunta un comunicato per garantire la sicurezza dei tifosi in Grecia
La campagna europea del Milan giunge al primo snodo decisivo: la sfida di domani con l'Olympiacos sarà da dentro o fuori per l'avventura in Europa League. Il sito ufficiale del Milan ha pubblicato un comunicato per la sicurezza dei rossoneri che partiranno per la delicata trasferta al Pireo: tra le precauzioni non utilizzare i mezzi pubblici e non rendersi identificabili come tifosi del Milan.
"AC Milan ringrazia i tifosi rossoneri che con grande attaccamento e dedizione hanno deciso di seguire la squadra in trasferta per la sfida contro l'Olympiacos. Riportiamo alcune informazioni utili per garantire la sicurezza della trasferta.
• Ricordiamo di portare la carta d'identità o il passaporto che servirà per l'ingresso allo stadio
• Per motivi di sicurezza è fortemente sconsigliato camminare da soli per la città e/o indossare magliette, sciarpe o qualunque altra cosa possa identificare come tifosi del Milan 
• Non utilizzare in maniera più assoluta i mezzi pubblici per recarsi allo stadio. Avvalersi dei servizi messi a disposizione dal club rossonero."





Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 14 dicembre 2018)




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini in partenza per Atene al seguito dei rossoneri assieme ai tifosi del Milan Club Toscolano Maderno (BS)


cliccare sull'immagine per ingrandire

Matteo Salvini in aereo
cliccare sull'immagine per ingrandire

Matteo Salvini con Carlo Pellegatti
all'aeroporto di Orio al Serio (BG) in attesa
di imbarcarsi direzione Atene
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia Rossonera)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia Rossonera)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia Rossonera)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia Rossonera)


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Polonia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Polonia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Polonia


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Polonia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Benevento Sez. Milano Sud
cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)






È passato tanto tempo e non ti ho scordato mai...


Il tifo rossonero nel settore ospiti





È passato tanto tempo e non ti ho scordato mai...


Forza, lotta, vicerai, non ti lasceremo mai...




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Federico Roccio)






Prepartita con il tifo dell’Olympiacos


La coreografia dell'Olympiacos




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

Vista dello stadio dal settore rossonero


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Match Program della partita (Riccardo Gaggero)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Dimitrios del Milan Club Salonicco)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Getty Images)
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Gennaro Gattuso a fine partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Rino Gattuso: "Se hai otto palle gol e non finalizzi
e poi alle prime avversità cominci ad aver paura,
allora è giusto che il Milan esca dall'Europa League"


cliccare sull'immagine per ingrandire

Festosa invasione di campo
al termine della partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Festosa invasione di campo
al termine della partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da fanpage.it)


cliccare sull'immagine per ingrandire

"Il Milan protesta per l'arbitraggio, Salvini polemico" - Leonardo e Abate contro il calcio d'angolo dell'1-0 e il rigore inesistente.
Rumori strani in campo e poco fair play. Salvini: "Che vergogna. Gattuso? No comment"
(da pagina "DerbyDerbyDerby" - facebook)






Prepartita visto dal settore ospiti


Alcune fasi della partita ed il tifo del Milan





Alcune fasi della partita ed il tifo del Milan


Alcune fasi della partita ed il tifo del Milan





Alcune fasi della partita ed il tifo del Milan


Alcune fasi della partita ed il tifo del Milan





Esultanza nel settore rossonero dopo il gol di Zapata


Festosa invasione di campo al termine della partita




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 14 dicembre 2018)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire

Le pagelle dal "Corriere dello Sport"




dal sito www.gazzetta.it

ROSSONERI FUORI DALL'EUROPA LEAGUE
I rossoneri perdono la qualificazione nell'ultima folle mezzora nella quale incassano tre reti. Arbitraggio discutibile, non basta il gol di Zapata
Nella terra degli dei, le tradizioni vanno rispettate. Il Milan in Grecia non ha mai vinto, se non nelle finali e l'adagio si conferma anche in una serata che costa addirittura l'Europa ai rossoneri. E sì che alla squadra di Gattuso non sarebbe servito vincere e manco pareggiare. Bastava perdere di un gol. Invece l'Olympiacos firma un'incredibile impresa, vince 3-1, raggiunge il Milan in classifica e lo supera per la differenza reti. Pazzesco, anche per come era stata la partita per un'ora, con Higuain e compagni più pericolosi della squadra di casa. Poi in una mezzora di tremende emozioni e capovolgimenti, il patatrac. PARTENZA — L'alba della gara aveva avvisato i rossoneri. Il Milan rischia infatti dopo appena 10'': lancio di Cissè, Guerrero sfugge alla guardia dei centrali e solo davanti a Reina gli calcia sui piedi, non accorgendosi dell'uscita del portiere addirittura fuori area. Al 18' la prima, vera occasione rossonera: bel lavoro sulla destra del tandem Calabria-Castillejo, palla a Cutrone che la fa filtrare per Higuain, ma Sa in uscita mura il tocco ravvicinato del Pipita. È un buon momento e infatti un minuto dopo è Zapata di testa a costringere il portiere alla deviazione in corner, quindi Cutrone col piatto calcia in bocca a Sa. Tre chance in tre minuti. L'Olympiacos spinge sempre con i terzini Elabdellaoui e Koutris, ma dietro lascia tanto campo. Il Milan non ne approfitta a fondo, non riuscendo a trovare la zampata vincente con Kessie e Higuain, mentre dall'altra parte i greci si vedono solo con una punizione di Fortounis sventata in corner dall'attento Reina.
RIPRESA — Anche nel secondo tempo la squadra di Gattuso si concede un avvio rilassato e per poco Fetfatzidis non la punisce: sinistro a giro fuori di un soffio. Il greco ex Genoa e Chievo è il più attivo dei suoi, anche se dall'altra parte Kessie con una botta da fuori va a pochi millimetri dal vantaggio. Il Milan ha però il torto di crogiolarsi troppo e paga al 15' una disattenzione clamorosa: corner corto dei greci, Fetfatzidis è contrastato in ritardo da Castillejo, la palla schizza in mezzo dove Cissé trova il tap in vincente dopo la prima respinta di Higuain.
INCUBO — Il gol dell'Olympiacos stappa la partita. Il pubblico del Pireo spinge, ma il Milan va subito vicino al pareggio con Cutrone (destro fuori di un soffio) e Higuain (percussione con tiro a lato di pochissimo). A dire il vero, in mezzo rischia anche, quando Reina salva su Podence, concedendo però il rimbalzo a Guerrero che a porta vuota centra Zapata. Tutto in due minuti di fuoco. Ma quello che succede dal 25' al 27' è ancora più incredibile: Zapata prima devia nella sua porta il tiro di Guilherme, poi rimedia spingendo in qualche modo oltre Sa il calcio d'angolo di Calhanoglu. Da 1-0 a 2-1 in un battibaleno. Gattuso capisce che la partita è imprevedibile e va in cerca di stabilità, togliendo Cutrone e inserendo Laxalt. Non servirà. L'Olympiacos sembra spegnersi, ma su di un corner innocuo, l'arbitro Bastien punisce con il rigore un abbraccio di Abate a Torosidis. Fiscale? Anche di più. Fatto sta che Fortounis spiazza Reina e rimanda i greci al secondo posto. L'assalto finale non porta a nulla. L'Olympiacos regge, il Milan esce dall'Europa. Per differenza reti, come l'Inter dai gironi di Champions: in Grecia lo sanno bene, se Atene piange, Sparta non ride.
Marco Guidi


dal sito www.milannews.it

LE PAGELLE - CALHA-CASTILLEJO, ERRORI IMPERDONABILI. STASERA ANCHE RINO NEI FLOP
Reina 5,5: tiene a galla il Milan con due interventi importanti, in avvio di primo tempo e quando il risultato era sull’1-0. Esce a vuoto sull’angolo da cui nasce il vantaggio greco. Poi capitola sul rigore e prova.
Calabria 6: l’Olympiacos non sfrutta molto le bande, convergendo al centro. Lui tiene botta e prova a spingere.
Abate 6: prova maiuscola di Ignazio, che compie dei salvataggi da difensore centrale puro. L’arbitro gli fischia un rigore assurdo che costa caro. Ma vogliamo premiare la sua prestazione.
Zapata 5,5: segna il gol che rimette in carreggiata il Milan. Perde in avvio Guerrero, ma Reina ci mette una pezza. Chiude l’attaccante greco, che viene anestetizzato.
Rodriguez 6: gestisce tantissimi palloni, spesso creando superiorità dentro il campo. Poi viene sacrificato da Gattuso nel finale per tentare l’assalto finale. (dall’85’ Halilovic sv).
Castillejo 4,5: commette due errori importanti. Il primo in concomitanza con Calhanoglu, quando gestiscono male un calcio d’angolo. Poi dorme sull’angolo – battuto in maniera irregolare dai greci – da cui nasce il gol dell’1-0.
Bakayoko 6: dominante in mezzo al campo. Recupera un sacco di palloni e vince contrasti a gogo. È spesso sollecitato dai lanci lunghi dei compagni e anche per vie aeree, le prende quasi sempre lui.
Kessie 6: si butta anche a fare l’ala nel finale. Insieme a Bakayoko in mezzo al campo tengono botta anche quando il trequartista centrale viene a fare gioco.
Calhanoglu 4: la prova più brutta del turco da quando gioca al Milan. Sbaglia tutto quello che può sbagliare, ivi incluso un contropiede ben rifinito da Cutrone, che lo mette in porta con i tempi giusti. Con un’altra testa, avrebbe calciato di prima, invece qui si fa rimontare e poi non becca mai un canale.
Higuain 5,5: Cutrone lo mette in porta con i tempi giusti, lui non trova il pertugio per fare gol. Poi si mette in proprio e non trova la porta per poco.
Cutrone 6: tiene palla, mette in porta Higuain e Calhanoglu, sfiora il gol con l’unico tiro che riesce a costruirsi. Poi Gattuso lo sacrifica sull’altare del presunto equilibrio con il risultato che l’Olympiacos trovi coraggio per l’impresa. (dal 78’ Laxalt sv).
Gattuso 4,5: uscire dall’Europa League con due errori arbitrali fa male, ma questa sera anche lui ha le sue colpe. Toglie Cutrone per mettere Laxalt e tenere in campo un Calhanoglu in modalità fantasma per poi mettere dentro Halilovic quando la frittata è fatta. I greci hanno avuto più fame del suo Milan e, nel complesso, hanno meritato di passare il turno.