Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


8 novembre 2018, Betis Siviglia vs Milan 1-1




dal sito www.milannews.it

PROBABILE FORMAZIONE - POSSIBILE RITORNO AL 3-5-2: ROMAGNOLI VERSO UN TURNO DI RIPOSO, IN ATTACCO SUSO E CUTRONE
Una partita per archiviare la brutta prestazione dell’andata, una partita per avvicinarsi alla qualificazione ai sedicesimi di finale, una partita per dare seguito alle vittorie ottenute in Serie A. Prima di pensare alla Juventus, le motivazioni non mancheranno al Milan, in campo domani contro il Real Betis nella prima gara di ritorno del girone di Europa League. Gennaro Gattuso, tra emergenza infortuni, squalifiche e scelte tecniche, schiererà una formazione in parte rimaneggiata rispetto alle ultime uscite in campionato.
DIFESA A TRE – Il tecnico rossonero dovrebbe tornare, in occasione del match contro la squadra andalusa, alla difesa a tre. Alessio Romagnoli potrebbe godere di un turno di riposo, dopo essersi rivelato decisivo nelle ultime due partite di Serie A. Al posto del capitano rossonero, dovrebbe giocare ancora Zapata, al fianco di Musacchio e Rodriguez.
CENTROCAMPO OBBLIGATO – Per quanto riguarda il centrocampo, Gennaro Gattuso non ha potuto concedersi il lusso di scegliere i propri uomini, visti gli infortuni di Bonaventura e Biglia. La nota positiva, e probabile novità, di giornata dovrebbe essere il rientro da titolare di Hakan Calhanoglu, ancora alla ricerca della propria forma migliore. Inoltre, Fabio Borini potrebbe ritrovare un posto nella formazione titolare. Il numero undici rossonero, infatti, dovrebbe essere schierato come esterno di destra.
SUSO/CUTRONE – Il terminale offensivo rossonero, nel 3-5-2 che Gennaro Gattuso dovrebbe disegnare in occasione della sfida contro il Real Betis, sarà composto da Suso e Cutrone. Lo spagnolo potrebbe posizionarsi tanto alle spalle del classe 1998 quanto più vicino a lui, nel ruolo di seconda punta.
Questa dunque la probabile formazione del Milan: Reina; Musacchio, Zapata, Rodriguez; Borini, Kessie, Bakayoko, Calhanoglu, Laxalt; Suso, Cutrone.









cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

Tifosi rossoneri in attesa di entrare allo stadio


cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Toscolano Maderno e Montirone
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Toscolano Maderno e Montirone
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Toscolano Maderno e Montirone


cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Toscolano Maderno e Montirone
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Club Toscolano Maderno
cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Club Savona Rossonera
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Club Savona Rossonera
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Club Savona Rossonera


cliccare sull'immagine per ingrandire

Dall'interno del settore rossonero
cliccare sull'immagine per ingrandire

Dall'interno del settore rossonero
cliccare sull'immagine per ingrandire

Dall'interno del settore rossonero


cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Club Femminile Stella di Saronno
cliccare sull'immagine per ingrandire

Gabriella Spica del Milan Club Femminile
Stella di Saronno
cliccare sull'immagine per ingrandire

Jesolo al seguito
(by Giuseppe Cedrelli - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Giovanni Presutti - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Benevento, Gaggiano, Femminile Stella di Saronno, 049, Maglia Rossonera


cliccare sull'immagine per ingrandire

Milan Clubs Benevento
cliccare sull'immagine per ingrandire

Banda Scalino


cliccare sull'immagine per ingrandire

Paolo 049
cliccare sull'immagine per ingrandire

Paolo 049
cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
(by Andrea Pollo)


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Plaza de Espana de Sevilla
(by Samuele Scarone del Milan Club Savona Rossonera)


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Plaza de Espana de Sevilla
(by Samuele Scarone del Milan Club Savona Rossonera)


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Plaza de Espana de Sevilla
(by Samuele Scarone del Milan Club Savona Rossonera)


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Plaza de Espana de Sevilla
(by Samuele Scarone del Milan Club Savona Rossonera)


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Murales dello stadio del Siviglia


cliccare sull'immagine per ingrandire

Prepartita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il menù della cena di gala
pre Real Betis Siviglia vs Milan
(by Luigi La Rocca)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Spettacolo di luci prima dell’inizio della partita
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire



cliccare sull'immagine per ingrandire

Lo stadio due ore prima del match
(by Gabriella Spica)
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Mateo Musacchio esanime a terra
dopo il fortuito scontro con Kessie
cliccare sull'immagine per ingrandire

L'infortunio di Musacchio
dopo uno scontro fortuito con Kessie
(da SKY)
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il bacio di Rino Gattuso a Musacchio
mentre esce dal campo in barella


cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)






Video del gol di Suso dal settore rossonero
(by Andrea Pollo del Milan Club Savona Rossonera)


Video del gol di Suso dal settore rossonero
(by Milan Club Benevento)




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 9 novembre 2018)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.gazzetta.it

GOL DI LO CELSO E SUSO
La punizione dello spagnolo salva i rossoneri e regala un punto importante nella corsa ai sedicesimi. Problemi fisici per Musacchio e Calhanoglu
S’interrompe dopo tre partite la striscia di vittorie consecutive del Milan. Ma il pareggio di Siviglia è un buon punto: l’1-1 col Betis, ottenuto in rimonta, evita che la classifica del Gruppo F diventi una montagna da scalare. Visto il facile successo dell’Olympiacos sul Dudelange, il Diavolo si giocherà il passaggio del turno ad Atene: resta da capire quali risultati saranno utili e quali no, per ora ci sono tre squadre in un punto. La notizia peggiore della serata, per Gattuso, arriva sul fronte infortuni: dopo la mazzata sui tempi di recupero di Biglia, si aggiungono agli acciaccati Musacchio e Calhanoglu.
ANCORA LO CELSO — Cambia l’assetto tattico del Diavolo rispetto alla gara di San Siro, ma non la sostanza: la qualità del palleggio andaluso è sufficiente per mettere in crisi il centrocampo rossonero, pur infoltito al centro con Kessie, Bakayoko e Calhanoglu. Il turco, in realtà, si troverà ben presto a dover avanzare il raggio d’azione accanto a Suso, alle spalle di un Cutrone partito titolare (anche) per l’assenza di Higuain. Succede presto, perché rapido è anche il vantaggio del Betis: Borini largo a destra è fatto a fette da Junior, che rifinisce un bel giro palla orchestrato da Canales e Joaquin recapitando a Lo Celso l’assist dell’1-0. Rodriguez (versione centrale) in ritardo, argentino a bersaglio, come a Milano. Reina raccoglie il pallone in rete al 12’ e potrebbe farlo di nuovo poco più tardi, ma Sanabria non è preciso nel sigillare il raddoppio, con un’azione-fotocopia. I biancoverdi hanno il demerito, da lì in poi, di esasperare il possesso, situazione che permette al Milan di riorganizzarsi un minimo, senza essere ulteriormente aggredito. Prima dell’intervallo, però, Lopez non deve intervenire mai, se non per l’ordinaria amministrazione.
RIMEDIA SUSO — Gli occhi del Benito Villamarin sono puntati su Suso, il (quasi) ragazzo di casa, cresciuto calcisticamente a Cadice. Fresco di conferma tra i convocati della nazionale spagnola, il numero 8 rossonero è opaco fino all’intervallo, ma nella ripresa cambia decisamente passo. Suona la carica con un cross morbido di destro e poi col marchio di fabbrica, uno splendido sinistro a giro (9’): Lopez stavolta deve volare per preservare il vantaggio. E al 17’ Suso fa centro: l’1-1 arriva con una punizione-cross che rimbalza davanti al portiere spagnolo e lo beffa. Uscito dalla palude, il Milan crede alla possibilità del colpaccio, e Borini ha subito sul destro una buona chance, ma si fa parare il tiro. Poi accade l’imprevisto: Kessie si scontra involontariamente col compagno Musacchio e l’argentino esce in barella col collo immobilizzato, difficile che recuperi in tempo per la Juve. Stesso discorso per Calhanoglu, altro elemento che va ad aggiungersi all’affollatissima infermeria rossonera prima della fine. Un’occasione per Borini (tiraccio alto), una per Junior chiuso da Reina, una enorme per Tello su cui lo stesso Pepe si esalta: poi tutti negli spogliatoi. Con 180 minuti ancora davanti per conquistare l’accesso ai sedicesimi.
Stefano Cantalupi 


dal sito www.milannews.it

LE PAGELLE - LA VELENOSA DI SUSO COLPISCE NELLA SUA TERRA. REINA, QUE PARADON! MALE I DUE ESTERNI
Reina 7: paratissima su Tello che riscatta una mezza frittata sul rinvio con i piedi. Tiene a galla il Milan quando il Betis si riaccende.
Musacchio 6: balla nell’occasione del gol del Betis, ma è un suo sganciamento offensivo a procurare la punizione-gol di Suso. Esce abbattuto da Kessie. (dal 37’ st Romagnoli 6: entra a freddo e mette ordine).
Zapata 6: sale di prestazione alla distanza. Alla fine annulla Sanabria e non soffre Moron. Bene diverse chiusure in copertura.
Rodriguez 6: da terzo centrale si disimpegna bene. Stringe i denti quando Tello lo punta. Gioca tantissimi palloni, anche perché i compagni lo cercano anche quando il giro palla è oltre la linea dei tre di difesa.
Borini 5: Junior Firpo gli passa sopra senza pietà. Ha l’occasione di rifarsi nel secondo tempo, ma il suo diagonale è a leggibile per Pau Lopez. In generale fa una fatica boia.
Kessie 6: lotta, lotta e lotta. Quando il Betis fa correre veloce il pallone, fa fatica. Poi si standardizza sui suoi ritmi.
Bakayoko 6: conferma la crescita con una buona prova individuale. Come tutto il Milan, cresce nel secondo tempo. Piovreggia qua e là qualche pallone vagante.
Calhanoglu 5,5: giocherà anche sul dolore, ma non trova mai un guizzo degno dei suoi. Fa fatica ed esce zoppicante. (dal 44’ st Bertolacci sv).
Laxalt 5: ancora in ombra. Fa fatica a liberare la sua corsa. Tello non è un fulmine di guerra, ma lui lo soffre. (dal 30’ st Abate 6: si mette nel suo ruolo e non bada a fronzoli) Suso 6,5: primo tempo opaco, a caccia delle zolle giuste nelle quali poter agire. Nel secondo, quando ritrova familiarità, diventa pericoloso. Pau Lopez gli cancella un arcobaleno quasi perfetto, poi è lui a beffarlo con una punizione maligna.
Cutrone 6: dura la vita la davanti quando si è abbandonati al proprio destino. Sta crescendo nei movimenti e nella lettura delle azioni. Peccato che faccia il centravanti e abbia bisogno di qualche rifornimento in più.
Gattuso 6: con l’emergenza che aveva in squadra, compie una mezza impresa. All’inizio il Milan viene messo all’angolo dal Betis, poi esce alla distanza e si prende un punto vitale.