Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


29 dicembre 2018, Milan vs S.P.A.L. 2-1




dal sito www.milannews.it

PROBABILE FORMAZIONE - SUSO SI È ALLENATO IN GRUPPO E SARÀ CONVOCATO. BALLOTAGGIO IN DIFESA E IN ATTACCO
Secondo quanto riferisce Sky Sport, anche contro la SPAL il Milan dovrebbe schierare il il 4-3-3. Suso oggi si è allenato con la squadra e sarà convocato, ma solo domani si saprà se giocherà lui o Castillejo. L'altro ballotaggio, invece, è quello che riguarda Musacchio o Zapata come centrale da affiancare a Romagnoli. Ecco, dunque, la probabile formazione che sceglierà Gattuso:
MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio/Zapata, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Calhanoglu; Suso/Castillejo, Higuain, Cutrone.





Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 28 dicembre 2018)




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

Colombo Labate e Emiliano Beretta nel post partita
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Avanguardia)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Massimo Palazzi - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Massimo Palazzi - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Massimo Palazzi - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Massimo Palazzi - facebook)



Ricordo di Maria "Mary" Giovanna Rabbiosi, socia del Milan Club Seregno, scomparsa due giorni fa
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

L'espulsione di Suso
cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

(da Ac Milan - facebook)
cliccare sull'immagine per ingrandire






Ingresso delle squadre in campo, tifo del Milan e settore ospite


Lettura delle formazioni, il tifo del Milan e il settore ospite






I giocatori rossoneri sotto la Curva Sud al termine della partita




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 30 dicembre 2018)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.gazzetta.it

DECIDE HIGUAIN, DOPO I GOL DI PETAGNA E CASTILLEJO. SUSO ESPULSO
I rossoneri vincono in rimonta e riavvicinano il quarto posto: Lazio a un punto. Lo spagnolo vede rosso e salta la Supercoppa con la Juve. Donnarumma super nel finale
Il Milan ritrova la vittoria, quello di cui squadra e allenatore avevano più bisogno. Non tanto per la classifica che resta compressa, quanto per salvare la panchina e dimostrare di essere ancora competitivi. Rino si affida al modulo che conoscono meglio lui e i giocatori: a farne le spese è Cutrone, in panchina per fare spazio a Castillejo a sinistra e al recuperato Suso a destra. Nella Spal il pericolo è Petagna. Dalla partenza lanciata i rossoneri sembrano voler inviare un messaggio a tutto l'ambiente: noi siamo con l'allenatore. E per mettere subito le cose in chiaro ecco una serie di calci d'angolo e una pressione che resta costante dalle parti di Gomis. Su uno dei tanti corner, Romagnoli segna ma il vantaggio è subito cancellato della Var per fuorigioco. Così alla prima uscita avversaria Petagna ha il tempo di girarsi (Romagnoli non gli copre lo spazio) e di calciare: una deviazione inganna Gigio e su San Siro cala il silenzio. Quando il Milan incontra la prima difficoltà si scioglie, era stata l'ultima autocritica dell'allenatore: stavolta invece la reazione c'è ed è immediata con Castillejo, che fa subito pari con un missile mancino. Dopo 395 minuti il Milan ritrova il gol. E subito si rimpossessa del gioco e della partita: le occasioni migliori per ribaltarla sono di Bakayoko, che alza sopra la traversa, e Calhangolu, a lato.
FINALMENTE HIGUAIN — Fino a quel momento, inteso come il gol di Higuain, il Milan sembrava aver calato il ritmo. I cambi di Rino hanno prodotto la scossa: è la discesa di Calabria ad avviare l'azione, rifinita da Calhanoglu, che permette al Pipita di ritrovarsi la palla tra i piedi. Controllo e ricerca dello spazio sono perfetti, il bolide sganciato sotto la traversa ugualmente preciso. Inizia qui la festa di San Siro: l'attaccante è travolto dai compagni, abbraccia l'allenatore, esulta finalmente di una rabbia positiva. Rimessa la partita sui binari giusti e sbloccato il proprio centravanti, il Milan pensa a controllare la partita, e la Spal fa poco per scardinare l'ordine rossonero. A Bakayoko e Calhanoglu replicano Cionek e Petagna, tutti con molta meno freddezza di Higuain. Il più preciso sarebbe Fares ma c'è spazio per l'ennesimo miracolo di Donnarumma. Così San Siro ha ritrovato tutti i suoi eroi.
Alessandra Gozzini


dal sito www.milannews.it

LE PAGELLE - FINALMENTE IL PIPITA! BAKAYOKO INSUPERABILE. SUSO, UN ROSSO CHE COSTA CARISSIMO
G. Donnarumma 6,5: Petagna lo beffa con la complicità di Romagnoli dopo 10 minuti. Poi guarda da posizione privilegiata la partita, salvo poi attivare l’alettone sempre su Petagna nel finale, negandoli il gol del pareggio con una parata decisiva.
Abate 6: scelto all’ultimo al posto di Calabria, regala grande spinta in fase offensiva, sovrapponendosi con puntualità. Esce nella ripresa quando Gattuso passa al 4-4-2 e dopo una botta alla spalla. (dal 62’ Calabria 6: mette dentro quell’argento vivo che mancava allo stint finale di Abate).
Zapata 6,5: ritorna titolare dopo il pit stop di Frosinone e domina Antenucci senza affanni apparenti. Abisso gli rende il finale di gara più complicato con un giallo nato da un mancato fallo a favore del Milan.
Romagnoli 6: si fa fare perno da Petagna che calcia verso Donnarumma. Per recuperare la posizione, devia il pallone quel tanto che basta per farlo finire alle spalle del suo portiere. Decisiva un’altra deviazione, nella ripresa, su un altro tiro a botta sicura di Petagna.
Rodriguez 6: primo tempo di livello, secondo più conservativo. Ma non sbaglia praticamente nulla. Con la palla tra i piedi da sempre la sensazione di sapere quale sia l’opzione migliore da scegliere.
Kessie 6: stantuffa meglio rispetto a mercoledì, con diversi inserimenti a fari spenti che mettono in crisi il sistema immunitario spallino. Ha sul destro una palla invitante, ma la regala al primo anello blu.
Bakayoko 7: un muro invalicabile. Chiamatelo “la piovra” per la quantità di palloni che arpiona e per la qualità con la quale li pulisce. Sfiora per due volte il gol personale, che sembra essere prossimo ad arrivare.
Calhanoglu 6,5: tante cose buone alternate ad alcuni errori non da lui. Tuttavia torna a disegnare calcio con la sua matita temperata quasi alla perfezione. Impacchetta l’assist per il gol di Higuain e sfiora la rete personale. A Jeddah servirà la sua versione migliore per sopperire all’assenza di Suso.
Suso 5: un’espulsione stupida che gli farà saltare la Supercoppa Italiana di Jeddah contro la Juventus. Probabilmente si scuserà sui social, ma un giallo per proteste e uno per un fallo gratuito a fine partita, annullano quanto di buono aveva fatto in gara, partendo dal recupero fisico.
Higuain 6,5: finalmente torna al gol dopo 61 giorni. Gli abbiamo rotto le scatole per due mesi perché non segnava, con la sua stagione che sembrava essersi fermata al palo sul rigore di Milan-Juve. Nel primo tempo sbaglia un paio di palloni non da lui, nella ripresa macina gioco e ritrova un gol liberatorio, condito da lacrime di sfogo. (dall’81’ Borini sv).
Castillejo 6,5: crede fortemente sul pallone che ruba e trasforma nel gol dell’1-1 con una sassata di mancino che si spegne all’incrocio dei pali alla sinistra di Gomis. Regala diversi strappi sulla sinistra e duetta bene con Rodriguez. (dal 62’ Cutrone 6: entra tarantolato e si sbatte per la causa, facendo densità in area quando il Milan passa al 4-4-2).