Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente



19 maggio 2013, Siena vs Milan 1-2




dal sito www.milanday.it

PREPARTITA - di Marco Rizzo
IL PRE SIENA-MILAN
Toscana, ancora tu. Il Milan ci torna, un mese dopo la gara con la Fiorentina, e gli viene data la seconda chance per chiudere i giochi.
Nello scontro diretto a Firenze, il Milan aveva buttato via la grandissima occasione di andare a +9, in una gara piuttosto strana, e di chiudere ogni gioco con largo anticipo. Ora il Milan torna in Toscana, a Siena, a +2 dai gigliati, dopo il pari ottenuto contro la Roma, e con l'ultima chance di andare in Champions. Non ci saranno più prove d'appello per Allegri & Co.
Vincere e festeggiare o steccare e trovarsi ad analizzare un fallimento. Nessuna gradazione di grigio : o sarà bianco o sarà nero.
Di fronte ci sarà un Siena, già retrocesso, ma che si vorrà giocare la partita fino in fondo, come fatto una settimana fa con il Napoli al San Paolo.
Professionismo e orgoglio sono state le parole d'ordine dei bianconeri durante questa settimana, anche in virtù di quanto accaduto un anno fa, con i processi sportivi proprio per essersi venduti gare di fine campionato.
La squadra di Iachini, ex Viola idolatrato dalla Fiesole, in realtà, avrebbe 36 punti, e si starebbe giocando ora a tutti gli effetti la salvezza con Genoa e Torino. Segno che la squadra ha certamente dei valori. Soprattutto in casa, dove contro le grandi lo schema "catenaccio e contropiede" ha spesso portato qualche frutto importante.
Proprio le capacità difensive del 3-4-2-1 senese, sono il tratto distintivo di questa squadra. Se si analizzano le sole gare casalinghe, infatti, il Siena sarebbe addirittura la settima migliore difesa dell'intero torneo. Sono infatti solo 17 le reti subite al Franchi. Squadre come Napoli e Fiorentina, da tutte considerate squadre solide e quadrate, ne hanno subite di più, rispettivamente 18 e 19, mentre altre, come Milan, Lazio o Catania, sono con 15 e 16, molto vicine alla quota del Siena. Una squadra, quindi, quella bianconera, che sa stare in campo ed ha assolutamente dei valori importanti.
Emeghara, rivelazione vera e propria di questa seconda parte di stagione, Sestu e Rosina, ad esempio, formano un trio offensivo di tutto rispetto, con riserve come Bogdani, Reginaldo e Pozzi come riserve, che per il livello del Siena non sono affatto male. Nonostante questo, il Siena è, con 15 gol realizzati, il secondo peggior attacco dopo Il Pescara a livello casalingo, e il terzo peggiore a livello generale con 35 gol segnati. Emerge quindi la vena spiccatamente difensiva e tattica voluta impostare da Iachini al suo arrivo, dopo l'esonero di Cosmi.
Ma il Milan non può e non deve preoccuparsi o intimorirsi di fronte a questo Siena. La squadra di Allegri le potenzialità le ha tutte. Merita la Champions come e forse più dei Viola, per la rimonta incredibile fatta e per lo strepitoso girone di ritorno, con appena una sconfitta, peraltro immeritata, ed i 39 punti totalizzati, secondi solo alla grande Juventus di quest'anno. Si spiegano, quindi, solo con l'inesperienza e la stanchezza fisica, le gambe molli ed il nervosismo visto Domenica sera a San Siro contro la Roma. Il peso del match point, ha tradito qualcuno. Ma c'è un'altra chance. Stavolta da non perdere.
La settimana è stata, per gli standard attuali, abbastanza tranquilla fino alla giornata di ieri. Nonostante solite le pressioni dell'obbligo del risultato, che hanno portato a qualche screzio, più o meno verificato, a Milanello, le canoniche voci interminabili di mercato e qualche spiffero polemico da Firenze, la settimana era andata via liscia.
Ieri, poi, le solite e fastidiose frasi del Presidente Berlusconi rilanciate a più non posso su tutti i media, che hanno irrimediabilmente mandato in secondo piano la gara di domani. Ecco il perché dell'incontro che doveva esserci oggi con il Presidente a Milanello, per stemperare i toni. Appuntamento poi saltato dei impegni del Cavaliere. La squadra ha comunque imparato a convivere con tutto questo ed ha saputo isolarsi e preparare al meglio la partita.
Una gara, quella di Siena, che evoca ricordi agrodolci. Milan e Siena si sono affrontate nella loro storia 8 volte allo stadio Franchi di Siena. I precedenti vedono il Milan in vantaggio, con 6 vittorie, 1 pareggio ed una sconfitta. 22 i gol realizzati dai rossoneri, contro 10 subiti. L'ultimo precedente risale alla stagione scorsa, quando il Milan di Allegri, ancora speranzoso di riacciuffare la Juventus, vince per 1-4 con il ritorno, allora gradito, al gol di Antonio Cassano, di rientro dopo i problemi avuti al cuore. In gol quel pomeriggio anche Ibrahimovic, con una doppietta, e Nocerino.
Prima di quella gara, Siena-Milan era stata di cartello alla prima giornata della stagione 2009/2010. I rossoneri si impongono per 1-2 con la doppietta di Alexandre Pato ad aprire e chiudere la sfida. In mezzo, il gol di Ghezzal al 34' L'annata precedente vede il successo più largo del Milan, che si impone con un 5-1 con i gol di Pirlo, Maccarone e le doppiette di Pato ed Inzaghi. Per trovare l'ultimo, ed unico, pareggio bisogna risalire al 15 Settembre 2007. La gara si conclude sull'1-1. Senesi in vantaggio con Maccarone e gol rossonero nel recupero, al 91', firmato da Alessandro Nesta.
La sfida precedente è la gara di Ronaldo. Ma non solo. Forse la piu' bella partite tra le due squadre, che termina 3-4 con un continuo saliscendi di emozioni. Il Milan va in vantaggio tre volte, due con il fenomeno, e per tre volte viene raggiunto, fino a trovare la rete del 4-3 finale grazie ad un gol di Ambrosini al 94'.
Per trovare invece l'ultima ed unica sconfitta bisogna risalire al discusso campionato 2004-2005. La partita termina 2-1 con rete iniziale di Crespo, resa vana dalle reti di Chiesa e Cozza. La gara è celebre per il clamoroso gol annullato a Schevchenko per inesistente fuorigioco, entrato in più di un'intercettazione nell'inchiesta di Calciopoli.
Per quanto riguarda le scelte dei due allenatori, Iachini non ha particolari problemi di formazione. I soli Pozzi e, soprattutto, Vergassola sono in dubbio. Per il resto, intera rosa a disposizione, per questo commiato alla Serie A. In porta, ci sarà Pegolo.
Davanti a lui, difesa a 3 con Terzi, Felipe e Terlizzi, in ballottaggio con Paci. I due esterni di centrocampo, che andranno quasi sempre a formare la difesa a 5, saranno Angelo e Rubin. Centrocampo, invece, affidato ai piedi di Calello e Della Rocca. Qualora Vergassola fosse recuperato, sarebbe lui a partire dal 1'. Bolzoni, invece, sarà pronto a subentrare. Il trio offensivo sarà il solito, formato da Sestu e Rosina in appoggio ad Emeghara.
Allegri, invece, spera di recuperare Montolivo. Il giocatore è stato convocato e probabilmente giocherà. Se ci sarà solo un rischio, tuttavia, verrà risparmiato. Vige comunque un cauto ottimismo. Spazio in difesa, davanti ad Abbiati, ad Abate, Mexes, giocatore a dir poco ritrovato in questo secondo scorcio di stagione, assieme a Zapata, rigenerato anch'esso, e a De Sciglio, favorito su un Constant non al meglio a livello fisico. Il centrocampo vive sull'incertezza della presenza di Montolivo. Qualora il n.18 sarà abile e arruolato, spazio a lui, con Ambrosini e Flamini. In caso di forfait, ecco Nocerino, autore qui a Siena del suo miglior gol della scorsa, ottima, stagione.
In avanti, conferma per Balotelli ed El Shaarawy. Mentre un infortunio ha bloccato Boateng. Spazio quindi ad uno tra Niang e Robinho, con quest'ultimo favorito. Anche se un ipotesi Pazzini non è assolutamente da scartare.
L'arbitro della delicatissima sfida è Mauro Bergonzi. Il resto dello Staff arbitrale è composto da Di Liberatore e Cariolato come assistenti, Dobosz sarà il quarto uomo;, mentre Damato e Russo gli assistenti addizionali.
In Serie A ha diretto 128 gare totali. Sono 12 i precedenti di Bergonzi con il Milan, con un bilancio di 6 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte. Sono 15 invece le gare dirette in gare del Siena con 3 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte. Bergonzi è una buona scelta. Un arbitro che non vuole essere mai protagonista. Che sbaglia, come tutti, ma che sa sempre star bene in campo e dialogare con i giocatori. Scelta peggiore di Rocchi di Firenze, comunque, della settimana scorsa, non poteva essere fatta. Quindi, almeno sulla carta, l'ambiente milanista, può stare relativamente tranquillo.
Lo stadio Franchi sarà pieno. L'affluenza di rossoneri sarà copiosa, in quella che si spera sarà una festa. Il Milan merita il terzo posto. La Champions è la sua naturale casa. Per la grande rimonta. Per i tifosi. Per la squadra. Per la società. Per il Mister. Now or Never! E' la gara dell'anno.
Forza Ragazzi!





Maglia Rossonera a Siena per Siena vs Milan 1-2
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire

Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita


cliccare sull'immagine per ingrandire

Daniele di Cassino Rossonera e Felice, Presidente del Milan Club Frosinone, con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Colombo Labate con Michele Persichini,
il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes,
consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Presidente del Milan Club Pontecorvo (FR) con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita


cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita


cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Foto con Michele Persichini, il cuoco del Milan, in divisa sociale con la maglia nr. 5 di Philippe Mexes, consegnatagli dopo la partita


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




Paolo 049 a Siena per Siena vs Milan 1-2
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire




Cassino Rossonera a Siena per Siena vs Milan 1-2
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire






Una parata di Pegolo su Balotelli
(dal sito www.gazzetta.it)





Il calcio di rigore di Mario Balotelli
(dal sito www.gazzetta.it)





Massimo Ambrosini in azione
(dal sito www.gazzetta.it)





Il gol di Philippe Mexes, che all'87.mo qualifica il Milan per la Champions League 2013-14



cliccare sull'immagine per ingrandire

Allegri, Pazzini e Montolivo festeggiano a fine gara
cliccare sull'immagine per ingrandire

I giocatori festeggiano l'accesso alla Champions League




cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)


cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(Foto M.C. Inossidabili)






La "Gazzetta dello Sport" del 20 maggio 2013


Il "Corriere dello Sport" del 20 maggio 2013



Alcune pagine della "Gazzetta dello Sport" del 20 maggio 2013
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.gazzetta.it

SIENA-MILAN 1-2, ROSSONERI IN CHAMPIONS ALL'ULTIMO RESPIRO
Terzi porta in vantaggio i toscani. La squadra di Allegri solo nel finale della ripresa trova il pareggio su rigore con Mario e la rete della vittoria all'87' con il francese
SIENA, 19 maggio 2013 - Con un finale pazzesco, teso, nervoso e sudato il Milan conquista il terzo posto che vale i preliminari di Champions League. Sotto di un gol fino al 39' della ripresa, i rossoneri rimontano la rete di Terzi segnata al 25' del primo tempo grazie a un rigore trasformato da Balotelli e un gol di Mexes all'87'. Chapeau al Siena che onora il calcio e saluta la serie A a testa alta con una prestazione maiuscola. La cronaca registra anche l'espulsione al 69' e al 70' di Ambrosini e Terlizzi per doppia ammonizione nello spazio di un paio di minuti e la rabbia di Iachini che non digerisce il rigore dato ai rossoneri, il rosso esagerato affibbiato a Terlizzi (senza dimenticare una vistosa trattenuta nel primo tempo di Ambrosini su Vitiello) e viene spedito in anticipo negli spogliatoi.
TERZI? CHE BEFFA - L'idea di Allegri di rinunciare a El Shaarawy è puramente tecnica. Il ragazzo non ha più la gamba di poco tempo fa. Così decide di schierare con Balotelli, Robinho e Niang. L'altra novità è a centrocampo, oltre al rientro di Montolivo, Nocerino prende il posto di Flamini bloccato da un problema muscolare. Con l'ossessioen della vittoria a tutti i costi, i rossoneri partono alla grande sfiorando subito il gol con Balotelli. Mario inaugura un duello con Pegolo, che interpreta il suo ruolo magistralmente. Per ben tre volte con voli plastici dice di no al bomber rossonero e se non un suo guizzo a chiudere la porta, ci pensa la traversa, al 28', a negare il gol a Balo. Ma la cronaca racconta che tre minuti prima il Siena è passato in vantaggio, sfruttando l'unica occasione che gli capita, potendo approfittare della dabbenaggine della difesa rossonera. Sconcertante lo studio del cross di Rosina, che ha tutto il tempo di inquadrare Terzi che, tutto solo e quasi incredulo, batte Abbiati di testa.
TRIDENTE SPUNTATO - Una rete micidiale che fa sbandare le certezze del Milan ingabbiato da una ragnatela che non concede spazi. Schierato dietro la linea del pallone, il Siena concede poco e organizza una fase difensiva impeccabile con ripartenze frenetiche che non permettono al Milan di ragionare con la necessaria lucidità. Balotelli ci prova più di tutti, Robinho manca il gol in un'occasione, Niang è spesso fuori posizione, ma si fa notare di più in difesa con due grandi recuperi.
IL PAZZO E IL FARAONE - Allegri all'inizio della ripresa riparte con Pazzini proprio al posto del francese. E la trama non cambia. L'effetto cromatico è netto: una marea rossonera che si riversa verso Pegolo, ma la diga bianconera che arresta la pressione. Il secondo tempo è una rincorsa al gol, ma non basta. Al 15' Allegri getta nella mischia El Shaarawy (fuori Nocerino) per aumentare la spinta offensiva. Il Faraone ce la mette tutta: una volta viene fermato in fuorigioco inesistente, una seconda sfiora la traversa di testa. Ma è una di quelle sere in cui sembra non funziona nulla. Fatali e dolorose. Chiamale Bentegodi o Istanbul: l'effetto è sempre lo stesso. Se poi ci metti una grande prestazione del Siena e l'espulsione di Ambrosini per doppia ammonizione beh, allora il conto è fatto, anche se subito dopo Terlizzi finisce negli spogliatoi.
BALO E MEXES - Entrano anche Agra e Paci (fuori Rosina ed Emeghara); Constant sostituisce Abate e il vento cambia direzione. La partita vive più sull'istinto e al 37' Felipe commette un fallo su Balotelli; Bergonzi indica il dischetto del rigore che Mario non sbaglia. Il finale è da infarto, col Siena che non digerisce il penalty, soprattutto Iachini che viene allontanato dal campo, Ma il Milan spinge con la bava alla bocca e al 42' coglie il 2-1 con Mexes, risolutore in un batti e ribatti. Il finale è per cuori forti. I rossoneri lo gestiscono con il possesso palla fino al fischio finale di Bergonzi: l'Europa è fatta.
Gaetano De Stefano


dal sito www.milannews.it

CHE RISCHIO MILAN!! MEXES SALVA LA STAGIONE, BALO CECCHINO INFALLIBILE, NIANG E ROBINHO INVISIBILI
LE PAGELLE di Antonio Vitiello
Abbiati 5,5 - Immobile sul gol di Terzi per il resto della partita non deve compiere grossi interventi.
Abate 6 - Buoni cross stasera, su uno di questi serve Balotelli che colpisce la traversa. Esce per problemi fisici nel finale. Dal 78' Constant sv
Mexes 6,5 - Sbaglia il movimento in area insieme a Zapata sul gol di Terzi ma segna il gol della Champions a pochi minuti dalla fine.
Zapata 6 - Con Mexes fa lo stesso movimento in area lasciando Terzi tutto solo libero di colpire di testa, però il resto della gara gioca veramente bene.
De Sciglio 6 - Timido sopratutto in fase offensiva, in difesa invece non corre tantissimi rischi.
Montolivo 6 - Non al meglio fisicamente e si vede perchè è poco presente nella manovra ma fornisce l'assist per gol di Mexes nel finale.
Ambrosini 5 - Troppo nervoso fin dall'inizio, lascia i suoi in 10 uomini per doppio giallo ma fortunatamente solo per 60 secondi.
Nocerino 5 - Conferma il momento non propriamente positivo, nel primo tempo è poco incisivo infatti nella ripresa lascia il campo. Dal 60' El Shaarawy 5,5 - Dopo il suo ingresso ha subito un'occasione di testa ma la spreca, poi si vede poco.
Niang 4,5 - Assolutamente inconcludente in attacco, bravo solo in un paio di diagonali difensive ma è troppo poco. Dal 45' Pazzini 5,5 - In tutta la ripresa solo un paio di sponde e palle sporche ma non trova mai lo spazio per colpire.
Balotelli 6 - Sfortunato sulla traversa nel primo tempo, freddo come un cecchino dal dischetto a pochi minuti dalla fine dimostrando di essere infallibile sui rigori.
Robinho 5 - Un paio di conclusioni pericolose e poco alto per il brasiliano che a tratti è anche irritante.