Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


16 ottobre 2010, Milan vs Chievo 3-1




dal sito www.gazzetta.it

AMBROSINI NON CONVOCATO
15 ottobre 2010 - Allenamento di rifinitura e poi convocazioni per la squadra di Allegri. Non ce la fa Ambrosini, che ha lavorato a parte ed è indisponibile, così come Jankulovski. Non convocati invece per scelta tecnica Yepes e Papastathopoulos. Allegri ha invece confermato che Abbiati e Ibrahimovic sono recuperati e partiranno titolari. Questa la lista completa dei convocati:
Portieri: Abbiati, Amelia.
Difensori: Antonini, Bonera, Nesta, Thiago Silva, Zambrotta, Abate.
Centrocampisti: Boateng, Flamini, Gattuso, Pirlo, Seedorf, Strasser.
Attaccanti: Ibrahimovic, Inzaghi, Pato, Robinho, Ronaldinho.





Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Prepartita - Alcune pagine della "Gazzetta dello Sport" del 16 ottore 2010



Cliccare sull'immagine per ingrandire

"Il Milanista" del 16 ottobre 2010
(grazie alla Redazione de "Il Milanista")





Striscione in Curva Sud contro gli orari del nuovo calcio
(dal sito www.virgilio.it)





Andrea Pirlo in azione
(dal sito www.virgilio.it)


Ronaldinho
(dal sito www.virgilio.it)





Il gol di Pato, al volo su cross di Ibrahimovic
(dal sito www.virgilio.it)


L'esultanza di Alexandre Pato
(dal sito www.virgilio.it)





Ancora Pato che esulta dopo il gol
(dal sito www.virgilio.it)


Ibrahimovic in azione
(dal sito www.virgilio.it)





L'infortunio alla caviglia di Thiago Silva
(dal sito www.virgilio.it)


Pato in azione
(dal sito www.virgilio.it)





(dal sito avanguardia1987.blogspot.com)




Il Milan Club Seregno e Maglia Rossonera a San Siro per Milan vs Chievo 3-1
cliccare sull'immagine per ingrandire

Striscione Magliarossonera.it
cliccare sull'immagine per ingrandire

Stendardi in Curva Sud tra cui quello
di Magliarossonera.it
cliccare sull'immagine per ingrandire

Giuseppe del Milan Club Seregno


cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica Primo e Secondo Anello Blu
cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica Primo e Secondo Anello Blu
cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica Primo e Secondo Anello Blu


cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica Primo e Secondo Anello Verde
cliccare sull'immagine per ingrandire

Primo piano della Curva Sud
cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica Primo e Secondo Anello Arancio


cliccare sull'immagine per ingrandire

Fumogeni in Curva Sud
cliccare sull'immagine per ingrandire

Fumogeni in Curva Sud
cliccare sull'immagine per ingrandire

Bandiere AIMC al Primo Anello Verde


cliccare sull'immagine per ingrandire

Uscita dal campo di Zambrotta e Gattuso
dopo il riscaldamento
cliccare sull'immagine per ingrandire

Le due squadre schierate a centrocampo
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il saluto tra le due squadre


cliccare sull'immagine per ingrandire

Una fase della partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Una fase della partita
cliccare sull'immagine per ingrandire

Una fase della partita


cliccare sull'immagine per ingrandire

Una fase della partita e sullo sfondo
gli spalti di San Siro
cliccare sull'immagine per ingrandire

Mister Allegri in panchina
cliccare sull'immagine per ingrandire

Azione da calcio d'angolo del Milan


cliccare sull'immagine per ingrandire

Esultanza dopo il primo gol di Pato
cliccare sull'immagine per ingrandire

Esultanza dopo il secondo gol di Pato
cliccare sull'immagine per ingrandire

Esultanza dopo il secondo gol di Pato


cliccare sull'immagine per ingrandire

Striscione della Curva Sud a favore delle partite alla domenica pomeriggio
cliccare sull'immagine per ingrandire

Ramaccioni premia lo storico speaker
di San Siro Giovanni Marsotto
cliccare sull'immagine per ingrandire

La festa dei bambini all'intervallo


cliccare sull'immagine per ingrandire

Uscita dal campo di Pato
cliccare sull'immagine per ingrandire

Esultanza dopo il gol di Robinho
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il tabellone di San Siro dopo il gol di Robinho


cliccare sull'immagine per ingrandire

Uscita dal campo dei giocatori al termine della gara
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il tabellone con il risultato finale



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire


cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
"Mister Meteor" Giovanni Marsotto e Luigi La Rocca.
In occasione di Milan vs Chievo, terminata la fase di riscaldamento delle squadre prima del fischio di inizio, ci sarà una breve
cerimonia di saluto a Giovanni Marsotto, classe 1934, la storica voce che ha accompagnato generazioni di tifosi rossoneri in
occasione di tutte le partite allo stadio milanese e che sarà presente in campo davanti al pubblico di San Siro. Speaker "ufficiale"
dal 1972, tra i più è conosciuto come “Signor Meteor” come conseguenza di uno dei suoi messaggi più rappresentativi
(per gentile concessione di Luigi La Rocca)




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il "Corriere dello Sport" del 17 ottobre 2010




Alcune pagine della "Gazzetta dello Sport" del 17 ottobre 2010
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.gazzetta.it

SAMBA-MILAN CON IL CHIEVO. MA C'E' ANSIA PER THIAGO SILVA
I rossoneri battono il Chievo 3-1 con una doppietta di Pato e un gol di Robinho. Due assist di Ibrahimovic che segna un'autorete. Distorsione allla caviglia per il difensore che lascia il campo in barella
MILANO, 16 ottobre 2010 - Che il Chievo sia squadra tosta è noto anche ai bambini. E' nel suo Dna. Sin dai tempi di Delneri. Basta chiedere al Milan che per batterlo 3-1 deve quasi arrampicarsi sugli specchi. La vittoria ci sta tutta, ma onore ai veronesi che sul 2-1 ci credono e mettono sotto i rossoneri. Ma i tre punti, oltre a portare momentaneamente in testa alla classifica la squadra di Allegri, rilancia le quotazioni di Pato mandato in gol due volte da Ibrahimovic che segna anche la rete dei veneti. Ci pensa Robinho a chiudere il conto in pieno recupero, firmando la sua prima rete in rossonero. Successo che significa leadership, ma che coincide con l'infortunio di Thiago Silva: una distorsione alla caviglia sinistra proprio alla vigilia del match di Champions con il Real.
MODULI SPECULARI - Logico per Allegri ripartire da Ibrahimovic. Logico ripartire, dopo le buone impressioni del Tardini, da Ronaldinho trequartista alle spalle delle punte, di Pato dal primo minuto e di Zlatan. Il ragionamento del tecnico non fa una piega, perché Parma e Chievo hanno in comune la fame. Stesso atteggiamento con il centrocampo degli intoccabili Gattuso, Pirlo e Seedorf. Pioli oppone ai rossoneri identico schema; 4-3-1-2, dove Bogliacino gioca a ridosso di Pellissier e, attenzione, di Granoche, preferito a Moscardelli. La classe e l'esperienza contro la forza del collettivo.
PATO UNO E DUE - I consigli di Allegri sono chiari: il Chievo fa pressing e va affrontato con la stessa moneta. Gervasoni fischia e Pato dà infatti un segnale chiaro, impegnando Sorrentino, anche se il tentativo è debole. Il Milan ha un obiettivo: mantenere il possesso della palla con i suoi portatori che hanno il compito di rifornire il tridente. Ibra, è evidente, gioca in posizione arretrata. Ronaldinho svaria a suo piacere e si capisce subuto che è ispirato. Sarà per la presenna in tribuna del c.t. della Selecao Menezes; probabilmente anche per la posizione. Ad avvantaggiarsi è anche Pato, scheggia impazzita con la palla attaccata al piede. La difesa del Chievo fa quel che può; raddoppia bene e fa ripartire il gioco. Ma al 18' abdica. Ibra trova il varco giusto sulla destra per Pato che con un tiro incrociato preciso, infila dove Sorrentino non può arrivare. Ma il Chievo c'è. Scrollato di dosso il colpo del vantaggio rossonero, al 24' si avvicina al pari con un colpo di testa di Granoche lasciato troppo solo; ma la zuccata è debole e Abbiati ringrazia. Al 28' però il portiere rossonero deve usare tutti i suoi mezzi per dire due volte no a Constant, prima con una respinta, poi con una deviazione in angolo. Gol mancato uguale gol subito. Al 30', infatti, su una punizione calciata da Ibra per Pato, arriva il raddoppio. Il "Papero" dalla stessa posizione del primo gol scarica sotto la traversa, complice anche una leggera deviazione di Andreolli.
IBRA UOMO ASSIST - Il raddoppio dà sicurezza al Milan, ma non placa l'iniziativa del Chievo che cerca con una manovra avvolgente di limitare i danni. Gattuso, tutta un'altra vita, chiude gli spazi; Pirlo fa l'interditore e come Seedorf si fa trovare spesso in difesa. Il Chievo, dal canto suo, attacca e crea problemi al Milan, lasciando spazi aperti in cui Pato ci si infila volentieri, come al 44' quando Sorrentino toglie al rossonero la soddisfazione della tripletta.
MA IL CHIEVO NON MOLLA - La ripresa inizia con due cambi nel Chievo: dentro Fernandes e Thereau per Bentivoglio e Granoche. I cambi regalano più movimento ai gialloblù. Il tema è lo stesso del primo tempo: il Chievo spinge e il Milan opta per il contropiede. Ma al 16' Thiago Silva esce per una distorsione alla caviglia, spezzando gli equilibri difensivi rossoneri. Entra Bonera, ma non è la stessa cosa. Nel Milan entra anche Robinho (fuori Pato), proprio mentre il Chievo dimostra di averne di più. E con il pressing dei ragazzi di Pioli arriva anche il gol: si tratta di un autogol di Ibrahimovic sugli sviluppi di un corner, dopo la spizzicata di Pellissier. E' la classica rete che carica ulteriormente il Chievo e manda in crisi i piani rossoneri. Fa bene Allegri a regalare muscoli e corsa al centrocampo togliendo Seedorf per Boateng.
E VENNE ROBINHO - Sono momenti duri per il Milan che gioca con i nervi, mentre il Chievo usa la testa. Fernandes, piedi buoni, sfiora il pari con un rasoterra. E a dare spessore ai veronesi è Constant, classe cristallina a cui manca solo un po' di esperienza. Pioli, che vuole pareggiare, mette dentro anche Moscardelli per Bogliacino. Ognuno con un compito fisso: pressare l'uomo e non farlo respirare. E gli riesce bene, anche perché Ibra è stanco e Robinho entra in partita solo al 48'. Ma in maniera decisiva: quando Ronaldinho gli regala la palla del 3-1. Irruzione in area, Sorrentino evitato e palla nel sacco.
Gaetano De Stefano


dal sito www.milannews.it

PATO IN FORMATO REAL. IBRA SA SOLO ESSERE PROTAGONISTA
LE PAGELLE di Francesco Somma
Abbiati 6,5: Al rientro da un infortunio, stringe i denti per rispondere di nuovo presente. Sicuro ed efficace in tutti gli interventi, decisivo su Constant nel primo tempo: la prova pressoché perfetta del reparto difensivo rossonero comincia dai pali.
Zambrotta 6,5: Dalla sua zona di competenza, nel primo tempo, arriva il primo sussulto del Chievo, neutralizzato da un doppio intervento di Abbiati. Non lesina l’appoggio alla manovra d’attacco, ma dà il meglio di sé in fase copertura.
Nesta 7: 94 minuti di calcio pulito: non sbaglia neppure una virgola
Thiago Silva 6,5: La sua prestazione, comunque eccellente, dura 33’ minuti in meno rispetto al collega romano: una preoccupante distorsione alla caviglia lo costringe a lasciare il campo in barella e ad iscriversi nella lista dei dubbi partenti per Madrid (61’Bonera 6: Impiega qualche minuto per prendere le misure a Pellissier, poi riesce a cavarsela senza problemi)
Antonini 6: Ci mette come sempre tanto cuore: il primo gol di Pato nasce da un recupero metà suo, metà di Seedorf. Positivo in fase difensiva; frettoloso in costruzione
Gattuso 6,5: Sorretto da grinta e polmoni, controlla con autorità la fascia mediana per gran parte del match. Cala leggermente nella ripresa
Pirlo 6: Riprova a pennellare un colpo d’autore dalla stessa mattonella di Parma, questa volta da calcio piazzato: è l’unica nota alta di una prova senza svolazzi
Seedorf 6,5: La chiusura su Bentivoglio lanciato alla conclusione, nel primo tempo, racchiude fedelmente tutta l’intensità della sua gara. Propizia il gol dell’1-0 e dà una grande mano in entrambe le fasi. Stremato, esce a 12’ dal termine con la spia della riserva accesa (78’Boateng: sv)
Pato 7,5: Per far capire a tutti che aria tira, arriva alla conclusione dopo 68 secondi di gioco. Una manciata di minuti più tardi, appone una firma d’autore sulla pennellata mancina di Ibra, per ripetersi poco dopo. Che la vista in lontananza del Bernabeu lo galvanizzi anche quest’anno? (69’Robinho 6,5: Impiega venti minuti per entrare in partita, ma lo fa nel migliore dei modi: togliendo le castagne dal fuoco con una rete da rapace)
Ronaldinho 7: Torna nel nuovo ruolo che Allegri gli ha assegnato per consentirgli di dipingere calcio di alta qualità: torna a far male dove può inventare in continuazione senza dare punti riferimento. Al bacio l’assist che regala a Robinho per chiudere la partita.
Ibrahimovic 6,5: Manda in porta Pato per tre volte, di cui due con successo, e grazie ad autentici colpi di genio. Fa segnare i suoi, e gli avversari, se è vero che devia in maniera decisiva il colpo di testa del 2-1 di Pellissier. Protagonista, sempre e comunque…
Allegri 6: La squadra arriverà a Madrid con il vento in poppa ed in buone condizioni psicofisiche. Il centrocampo è tornato a girare come non si vedeva da tempo, anche se un Boateng in più nella mezz’ora finale avrebbe fatto comodo.