Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


6 gennaio 2011, Cagliari vs Milan 0-1




dal sito www.gazzetta.it

A CAGLIARI ANCHE NESTA
5 gennaio 2011 - Questo l'elenco dei 22 giocatori convocati del Milan per la sfida di domani pomeriggio alle 15 contro il Cagliari: Abbiati, Amelia, Di Fabio, Antonini, Bonera, Nesta, Papastathopoulos, Montelongo, Yepes, Oddo, Thiago Silva, Gattuso, Ambrosini, Seedorf, Abate, Pato, Robinho, Cassano, Strasser, Oduamadi, Merkel, Beretta. Convocato anche il difensore Nesta nonostante il risentimento muscolare accusato oggi.





Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Prepartita - Alcune pagine della "Gazzetta dello Sport" del 5 e 6 gennaio 2011
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
Claudio Lippi con Carlo Pellegatti, Alessandro Alciato e altri giornalisti prima della partita
(foto di Claudio Lippi)



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
I tifosi del Milan in trasferta a Cagliari
cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire





Il Gruppo Campania Rossonera e Jesolo



Il Milan Club Seregno a Cagliari per Cagliari vs Milan 0-1
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il gruppo del Milan Club Seregno
allo stadio Sant'Elia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il gruppo del Milan Club Seregno
allo stadio Sant'Elia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica dello stadio Sant'Elia


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il settore dei tifosi rossoneri
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il settore dei tifosi rossoneri
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il settore dei tifosi rossoneri


cliccare sull'immagine per ingrandire

Panoramica dello stadio Sant'Elia dal settore ospiti
cliccare sull'immagine per ingrandire

Stendardi nel settore dei tifosi rossoner


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il riscaldamento del Milan
cliccare sull'immagine per ingrandire

Abate durante il riscaldamento
cliccare sull'immagine per ingrandire

L'ingresso in campo delle due squadre


cliccare sull'immagine per ingrandire

L'ingresso in campo delle due squadre
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il saluto tra le due squadre
cliccare sull'immagine per ingrandire

Allegri e sullo sfondo i giocatori rossoneri


cliccare sull'immagine per ingrandire

Le due squadre durante il minuto di silenzio
cliccare sull'immagine per ingrandire

I giocatori rossoneri
durante il minuto di silenzio
cliccare sull'immagine per ingrandire

I giocatori rossoneri a fine partita
applaudono i tifosi


cliccare sull'immagine per ingrandire

Strasser protagonista della partita
dopo il lancio della maglia
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il lungomare di Cagliari
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno sulla spiaggia
del Poetto di Cagliari di notte


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno sulla spiaggia
del Poetto di Cagliari di notte
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno sulla spiaggia
del Poetto di Cagliari di notte
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno sulla spiaggia
del Poetto di Cagliari di notte


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno al porto di Cagliari
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno al porto di Cagliari
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il porto di Cagliari


cliccare sull'immagine per ingrandire

Il Milan Club Seregno a cena
cliccare sull'immagine per ingrandire

Giona durante la cena
cliccare sull'immagine per ingrandire

Una bottiglia di buon Cannonau
per festeggiare i 3 punti




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Allegri saluta Roberto Donadoni
(dal sito www.virgilio.it)


Pato in azione
(dal sito www.virgilio.it)





Antonio Cassano, al suo esordio sulla panchina rossonera
(dal sito www.virgilio.it)





Seedorf al tiro
(dal sito www.acmilan.com)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Astori, Gattuso e Lazzari





Merkel in azione
(dal sito www.acmilan.com)


Cassano sostituisce Merkel
(dal sito www.acmilan.com)





L'azione del gol di Strasser
(dal sito www.virgilio.it)


Strasser e Cassano dopo il gol
(dal sito www.virgilio.it)



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
La gioia di Strasser per la sua prima marcatura in Serie A
(a destra, dal sito www.acmilan.com)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Strasser festeggiato dai compagni


Dopo il gol di Strasser
(dal sito www.acmilan.com)






Altre immagini dei festeggiamenti del gol di Rodney Strasser
(dal sito www.acmilan.com)


Cliccare sull'immagine per ingrandire

Strasser e Cassano




L'esultanza di Strasser
(dal sito www.virgilio.it)


Robinho in azione
(dal sito www.virgilio.it)




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il "Corriere dello Sport" del 7 gennaio 2011



Alcune pagine della "Gazzetta dello Sport" del 7 gennaio 2011
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire


Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




dal sito www.gazzetta.it

CASSANO ENTRA E DECIDE. STRASSER GOL: CAGLIARI K.O.
Il Milan passa 1-0 al Sant'Elia. FantAntonio in campo dal 74' e all'85' ispira il gol del giovane centrocampista rossonero della Sierra Leone
CAGLIARI, 6 gennaio 2011 - Alla fine decide proprio lui. Tenuto in panchina fino al 74'. Antonio Cassano entra al posto di Merkel appena in tempo per mettere in archivio il suo primo e decisivo assist in rossonero. Ma ancora di più a decidere è Rodney Strasser, subentrato a Gattuso. Il ragazzo della Sierra Leone viene pescato dal barese e trova l'angolo giusto per consegnare al Milan tre punti fondamentali. Fino a quel momento rossoneri e Cagliari avevano fornito una prestazione poco brillante, risolta come si conviene in simili frangenti dal colpo di genio.
MERKEL TREQUARTISTA - La scommessa di Massimiliano Allegri si chiama Alexander Merkel: 18 anni, un po' kazako, un po' russo, un po' tedesco. Lo piazza alle spalle di Pato e Robinho, permettendo così a Seedorf di arretrare a sinistra sulla linea dei centrocampisti al fianco di Gattuso e Ambrosini. Nesta non ce la fa; quindi tocca a Bonera che va a fare il centrale con Thiago Silva. Senza Ibra (squalificato), Pirlo, Boateng e Flamini è emergenza vera, ma l'eccellente ex Roberto Donadoni non può che sorridere. Avesse lui questi problemi. Ma l'ex c.t. può permettersi di schierare il meglio, con Lazzari (che piace tanto ad Allegri) in campo dal primo minuto, e Cossu trequartista dietro a Matri e Nenè.
ROBINHO CHE OCCASIONE - L'idea di Donadoni è di chiudere gli spazi e pressare sull'uomo. Ma, nonostante l'emergenza, i rossoneri fanno prevalere la loro tecnica con gioco veloce sulle fasce e possesso palla. Un dominio costante che lancia un segnale importante all'11' con la grande occasione sventata da Agazzi. L'azione parte da Merkel che serve in area Robinho; il destro a giro sul secondo palo è la soluzione perfetta, ma il portiere del Cagliari ci mette miracolosamente un piede e mette in angolo. In verità è l'unica emozione fornita dai leader del campionato. Il pallino è in mano ai rossoneri, ma il Cagliari si difende con ordine e si limita a contenere il Milan.
IL PALO DI CANINI - La novità di Alegri è senza dubbio Seedorf davanti alla difesa; l'orange recupera mille palloni ed è ufficialmente le mente pensante della squadra. Non può bastare comunque, perché Pirlo, Ibra e Nesta non sono sostituibili. La partita non decolla per mancanza di idee: da una parte una squadra con troppi timori riverenziali, dall'altra un Milan asciutto e poco incisivo. L'atteggiamento tattico per entrambi è chiaro: meglio non rischiare. Ma un lampo rossoblù al 32' regala adrenalina ai padroni di casa. Da un cross dalla bandierina di Cossu, Canini colpisce il secondo palo di testa. L'occasione ghiotta, carica i rossoblù che concluono il primo tempo in attacco sfruttando le evidenti difficoltà del Milan, troppo lento e poco offensivo per fare del male alla truppa di Donadoni.
ROBINHO LO SPRECONE - La ripresa propone subito la sostituzione di Lazzari (distorsione a una caviglia) con Biondini, mentre Cassano fa scaldare i muscoli a bordo campo. Magari servirebbe un po' del suo genio. Al 6', però, Pato manca l'1-0: il tiro è indirizzato nel sette, ma Agazzi riesce a deviare in angolo con un intervento prodigioso. E come nel primo tempo c'è subito la risposta. Quello che combina all'8' Abbiati è sconcertante. Il portiere regale la palla a Nenè solo in area, il brasiliano ma fa la cosa peggiore sbagliando incredibilmente a porta vuota. Intantro Allegri opera il pirmo cambio, con Strasser al psoto dell'acciaccato Gattuso. La partita però non decolla. A ritmo blando Cagliari e Milan non allungano il passo affidandosi a sporadiche azioni. Come il contropiede rossonero del 22', quando Pato illumina Robinho al limite, ma l'ex City controlla come un dilettante allungandosi la palla che finisce ad Agazzi. Dietrofront e Abbiati neutralizza il tiro del defilato Matri.
ECCO CASSANO - Al 29' inizia l'era rossonera di Antonio Cassano. Entra al posto di Merkel. Non giocava dal 24 ottobre 2010. Va a fare la seconda punta con Pato, mentre Robinho arretra leggermente. FantAntonio tocca la prima palla al 33'. Un'altra al 37'. Ma fondamentale è quella del 40' quando al limite riceve da Robinho e mette in area una splendida palla a Strasser (con l'alluce in fuorigioco) che infila nell'angolo alla sinistra di Agazzzi. Un gol pesante che permette al Milan di proseguire la sua marcia anche in piena emergenza. Con un Cassano in più.
Jacopo Gerna


dal sito www.milannews.it

UN PIZZICO DI CASSANO, UN TOCCO DI...STRASSER E TRE PUNTI CHE VALGONO ORO!
LE PAGELLE di Francesco Somma
Abbiati 5,5: Un solo intervento degno di nota: da coprirsi gli occhi su Nenè, per il quale, fortunatamente, riesce a rimediare
Abate 6: Soffre più gli arrembaggi e la grinta di Nainggolan che le giocate di Lazzari, ma rimane a galla senza grosse difficoltà
Bonera 5,5: Perde Canini in occasione del palo su calcio d’angolo e tiene a bada di fisico Matri e Nenè
Thiago Silva 6: Meno pulito del solito negli interventi, ma comunque efficace
Antonini 6: Fatta eccezione per i momenti in cui i centravanti cagliaritani si decentrano, dalle sue parti non punge nessuno. Prova l’affondo a metà ripresa, ma invano
Gattuso 6: Un’ora di gioco per capire che la grinta e la determinazione non sono cambiate, ma la condizione atletica deve migliorare. Un colpo alla coscia lo costringe a lasciare il campo in anticipo (58’Strasser 7: Rileva Gattuso, a cui tanto somiglia atleticamente e diventa – nel giorno di Cassano e grazie ad un assist di quest’ultimo – l’eroe di un pomeriggio che difficilmente scorderà)
Seedorf 5: Una sola giocata accettabile, con cui manda Pato a tu per tu con Agazzi: il resto sono soprattutto imprecisioni e colpevoli assenze nel cuore del gioco
Ambrosini 5,5: Cede al collega olandese le chiavi della cabina di regia, collocandosi sul centro-sinistra: anche nel suo caso, purtroppo, i passaggi sbagliati superano quelli indovinati
Merkel 5,5: Non facile, ma comunque positivo l’impatto con la gara, dopo di che scompare piano piano, offuscato dall’aggressività e dall’attenzione dei dirimpettai (74’Cassano 6: Dieci minuti, qualche spunto interessante, un paio di colpetti ravvicinati, poi il tocco di classe che libera il giovane Strasser per il gol vittoria)
Pato 6: Lo scatto e la rapidità di esecuzione sono ancora da recuperare, ma l’entusiasmo e la voglia di far bene sembrano non mancargli. Centra Agazzi da ottima posizione e regala un assist al bacio al connazionale Robinho, che spreca
Robinho 6: Anno nuovo, vecchi vizi: fallisce – anche per merito del n.1 rossoblu – due ottime occasioni da gol; lo redime il tacco per Cassano sulla rete decisiva di Strasser
Allegri 6,5: Una gara ostica, difficile da affrontare e a tratti bruttissima da vedere: proprio per questo la vittoria assume il sapore di un colpo pesante. Cassano e Strasser al posto giusto nel momento giusto, per tre punti che valgono oro