Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


QUARTI DI FINALE - Andata
1° marzo 1995, Milan vs Benfica 2-0




cliccare sull'immagine per ingrandire

Il match program dell'incontro
(per gentile concessione di Stefano Sette)



cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
(per gentile concessione di Andrea Leva)
cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
(by Davide Milano - facebook)



cliccare sull'immagine per ingrandire cliccare sull'immagine per ingrandire
Altri due biglietti della partita
(per gentile concessione di Andrea Leva)




cliccare sull'immagine per ingrandire

La Cuva Sud
cliccare sull'immagine per ingrandire

La Curva Sud



cliccare sull'immagine per ingrandire

(Archivio Massimo Catozzi)



cliccare sull'immagine per ingrandire

Marco Simone esulta dopo un gol al Benfica
(dal sito forum.tifenet.it - Amarcord Rossonero)
cliccare sull'immagine per ingrandire

Festa rossonera alla doppietta di Marco Simone
(dal sito forum.tifenet.it - Amarcord Rossonero)




cliccare sull'immagine per ingrandire

Istantanea della partita: 1-0
(per gentile concessione di Ivano Michetti)
cliccare sull'immagine per ingrandire

Istantanea della partita: 1-0
(per gentile concessione di Ivano Michetti)


cliccare sull'immagine per ingrandire

Istantanea della partita: 2-0
(per gentile concessione di Ivano Michetti)




cliccare sull'immagine per ingrandire

Il "Corriere dello Sport"



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Stampa" del 2 marzo 1995)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dal "Guerin Sportivo", per gentile concessione di Paolo 049)




dal sito www.repubblica.it
28 febbraio 1995

IL MILAN NON E' SOLO
MILANO - In attesa di giocarsi la stagione domani sera a San Siro contro il Benfica, il Milan può constatare con soddisfazione che nella delicata circostanza avrà il massiccio conforto dei suoi tifosi: 37 mila sono i biglietti acquistati in prevendita (per un incasso di un miliardo e 100 milioni), che in proiezione dovrebbero diventare 60 mila. La partita, che evoca uno dei momenti più gloriosi dell'epopea rossonera - la finale di Coppa dei Campioni vinta nel 1990 a Vienna con gol di Rijkaard -, avrà insomma uno scenario degno dell'evento, con la partecipazione di una congrua rappresentanza portoghese: in millecinquecento si sono già accaparrati il biglietto a Lisbona, altrettanti lo faranno a Milano.
Per essere all'altezza delle aspettative il Milan si è preparato con zelo, ma gli infortuni impediscono a Capello di sapere con certezza quale formazione potrà mettere in campo. Lo stiramento rimediato durante la partita con la Cremonese impedirà quasi certamente a Costacurta di affiancare Baresi al centro della difesa; per la sostituzione sono in ballottaggio Galli e Maldini. A seconda della soluzione scelta da Capello, Panucci, che sembra avere smaltito le conseguenze del suo lieve guaio muscolare, potrà essere impiegato a destra o a sinistra; con Maldini centrale, il terzino destro sarebbe Tassotti. Le congetture sullo schieramento da opporre al Benfica proseguono anche per il centrocampo, ferma restando la formula delle tre punte, con Savicevic, Massaro e il rientrante Simone. Quattro uomini si contendono tre maglie, ma il dubbio dovrebbe riguardare principalmente Donadoni e Albertini, dal momento che Capello non ha mai rinunciato a cuor leggero a Desailly - il francese ha assorbito la distorsione alla caviglia - e che Boban sembra il milanista nelle migliori condizioni di forma. A proposito del croato, la sua adattabilità alle esigenze tattiche della squadra lo ha fin qui reso utile per tutti i ruoli del centrocampo, ma il giocatore inizia a manifestare più di una perplessità; Boban sa perfettamente di poter rendere al meglio quando viene utilizzato in posizione centrale, dove ha effettivamente fornito le migliori prestazioni anche in questa stagione, e non quando deve coprire una delle due fasce. Per ottenere garanzie sul suo futuro, nulla sarebbe più opportuno di una partita da protagonista, circostanza della quale Boban non dubita.
"Da un paio di mesi non faccio che migliorare. Ma a migliorare è soprattutto il Milan: ormai siamo in condizioni simili a quelle della finale di Atene dell' anno scorso". Forte delle cifre - con lui la squadra vince e segna molti gol -, Savicevic è altrettanto ottimista. Più prudente il Benfica, che ha ottenuto dall'Uefa la certezza di poter schierare in difesa il brasiliano Paulo Pereira: per la federazione internazionale è portoghese a tutti gli effetti.