Ritorno ai tabellini delle partite
< Partita precedente

   


30 ottobre 1988, Juventus vs Milan 0-0




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il biglietto della partita
(per gentile concessione di Andrea Leva)




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Immagini dei tifosi rossoneri in trasferta a Torino
(dal sito www.fdl.it)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(per gentile concessione di Stefano "Potsy" Pozzoni)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
(by Davide Milano - facebook)



(per gentile concessione di Stefano "Potsy" Pozzoni)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(by Stefano Flanell Mix)




(Foto by Vincenzo De Santi)
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il tifo bianconero
Cliccare sull'immagine per ingrandire

La curva juventina
(dal sito www.lajuvesiamonoi.it)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

La Curva Filadelfia
Cliccare sull'immagine per ingrandire

La Curva Filadelfia



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Stampa" del 31 ottobre 1988) (da "L'Unità" del 31 ottobre 1988)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(dal "Guerin Sportivo", per gentile concessione di Paolo 049)




dal sito www.repubblica.it
29 ottobre 1988 - pagina 37 - Sezione Sport


ECCO IL MILAN DAI MILLE VOLTI
MILANO - Il Milan cambia tutto, presentandosi in edizione riveduta e corretta all'appuntamento con la Juventus. Tornano Gullit ed Evani, che escono così dal tunnel degli infortuni. Pietro Paolo Virdis imbocca la via della panchina. Novità anche in difesa: domani Frank Rijkaard sarà lo stopper. In prossimità dei momenti che contano, Sacchi recupera il Milan a pieno organico. Manca solo Filippo Galli (con Rijkaard restituito al centrocampo ed esclusione di Colombo) per la formazione titolare che il tecnico ha in mente: poco male, considerati il superlavoro in infermeria. Sacchi non si sbilancia, evitando di annunciare la formazione con ventiquattr'ore d'anticipo. E'una mossa dettata anche dalla scaramanzia: Aspettiamo l'ultimo allenamento. Finora, tutti i giorni c'è stata una sorpresa... Ma intanto, Virdis pensa già alle giustificazioni di rito: Sono stanco, la fatica olimpica ha lasciato il segno. E Rijkaard fa il generico: Stopper? Non ci sono problemi. Potrei giocare anche in porta, se Sacchi me lo chiedesse.
Senza dubbi, invece, è Gullit. Recuperando la felicità dimenticata, Ruud non nasconde il suo particolare stato d'animo: Sto bene, finalmente. La caviglia è a posto. Contro la Juventus giocherò. Non sono ancora al massimo, ma è solo questione di poco tempo. L'olandese manifesta euforia: parla, sorride, scherza. Mi sento positivo. Anche una battuta: Altri malanni? Nessun problema, andremo al Lourdes. L'atmosfera è di ritrovata serenità. Nella squadra, ho notato la grinta dell'anno scorso. Mi sembra di rivivere il periodo successivo alla sconfitta con l'Espanol, racconta Gullit. Nessuno ha paura dei processi, anche se i fucili sono puntati e la Juve si delinea pericolosamente al varco del campionato. Ma Van Basten condensa in poche parole la fiduciosa attesa del clan milanista: Andremo a Torino a caccia del successo, perchè siamo in grado di vincere ovunque. Nell'attesa permeata d'ottimismo, anche quel diavoletto rosso di Zavarov viene esorcizzato: Un grande giocatore dicono in coro i tre olandesi , ma la forza della Juventus si basa sul collettivo. Proprio in tema bianconero, Gullit si congratula: Quest'anno, la Juve gioca un ottimo calcio. Abbiamo fatto scuola: tanto spettacolo, niente barricate in difesa. La Juventus sta seguendo il nostro esempio, grazie a Zoff. E'un allenatore preparato e moderno. Ma anche altre squadre italiane ci stanno seguendo. Sacchi ascolta, ma non annuisce: Calcio italiano offensivo? Non credo. Faremo i conti alla fine del campionato.