Ritorno ai tabellini delle partite
 
< Partita precedente

   


FINALE
28 maggio 1958, Real Madrid vs Milan 3-2  (d.t.s.)






"La vie sportive", prima della finale
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Stadio Heysel di Bruxelles: la sede della finale



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Prima della finale
(da "L'Unità" del 28 maggio 1958)







Match program della finale di Coppa dei Campioni 1958


Il biglietto della finale
(dal sito www.1899.it, by Stefano "Potsy" Pozzoni)






Bruxelles, 28 maggio 1958: lo Stadio Heysel



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Il Milan finalista di Coppa dei Campioni a Bruxelles contro il Real Madrid.
Da sinistra: Schiaffino, Fontana, Beraldo, Grillo, Danova, Cucchiaroni, Bergamaschi, Radice, Soldan, Cesare Maldini, Liedholm
(immagine a destra, per gentile concessione di Mark Baldasso)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Altre due immagini della formazione iniziale nella finale di Coppa dei Campioni



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Altre due immagini della schierata rossonera
(per gentile concessione di Mark Baldasso)



cliccare sull'immagine per ingrandire

(per gentile concessione di Mark Baldasso)
cliccare sull'immagine per ingrandire

(per gentile concessione di Renato Orsingher)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Le due schierate prima della partita
(per gentile concessione di Mark Baldasso)
Cliccare sull'immagine per ingrandire

La formazione del Real Madrid nella finale di Coppa dei Campioni 1958



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Le schierate di Milan e Real Madrid






Cliccare sull'immagine per ingrandire
Altre foto del Real Madrid prima del fischio d'inizio della finale





Il portiere del Real Alonso esce a respingere di pugno precedendo il compagno Lesmes,
mentre Juan Alberto Schiaffino osserva attentamente pronto ad intervenire
(per gentile concessione di Bruno Morelli)





Il gol dell'1-0 di Juan Alberto Schiaffino



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Un'altra immagine del gol di Schiaffino



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Danova, infortunato, soccorso dal portiere del Real Madrid Alonso



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
Narciso Soldan esce sui piedi di Alfredo Di Stefano
(per gentile concessione di Mark Baldasso)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Un'altra immagine dell'uscita di Narciso Soldan su Di Stefano
(per gentile concessione di Mark Baldasso)


(per gentile concessione del M.C. Inossidabili)





Gigi Radice alle prese con un madridista



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire
La rete di Ernesto Grillo, che porta in vantaggio i rossoneri (2-1)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Il gol di Rial che porta al momentaneo pareggio il Real Madrid (2-2)


Il gol di Gento che decide nei tempi supplementari la finale





Un'altra immagine del gol di Gento



cliccare sull'immagine per ingrandire

Istantanea della partita
(per gentile concessione di Ivano Michetti)
E' errata la didascalia: si tratta infatti del gol dello 0-1 di Schiaffino
cliccare sull'immagine per ingrandire

Istantanea della partita
(per gentile concessione di Ivano Michetti)
E' errata la didascalia: si tratta infatti del gol dell'1-2 di Grillo



Cliccare sull'immagine per ingrandire

La "Gazzetta dello Sport" del 29 maggio 1958
Cliccare sull'immagine per ingrandire

Articolo su Real Madrid Campione d'Europa



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
(dal "Corriere dello Sport")



Cliccare sull'immagine per ingrandire

(per gentile concessione di Raffaello Losa)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "L'Unità" del 29 maggio 1958)
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "L'Unità" del 29 maggio 1958)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Copertina de "Il Calcio Illustrato" nr. 23 del 5 giugno 1958
relativa alla finale di Coppa dei Campioni


Il giornale argentino "El Grafico" dedica un servizio
alla finale Milan vs Real Madrid di Bruxelles





Alfredo Di Stefano, stella del Real Madrid che affronta
il Milan nella Finale di Bruxelles


Il Real Madrid Campione d'Europa.
In piedi da sinistra Alonso, Atienza II, Santamaría, Lesmes, Santisteban, Zárraga Accosciati da sinistra Kopa, Joseíto, Di Stéfano, Rial, Gento



Maglia del Grande Real Madrid indossata nel 1957-58 da Raymond Kopaszewski, meglio conosciuto come Raymond Kopa (che disputò la finale di Bruxelles contro il Milan). Famosa ala destra del grande Real di Puskas e Di Stefano, vinse il Pallone d'Oro nel 1958, stagione che lo vide protagonista anche ai Mondiali di Svezia con la maglia della Francia. La maglia è autografata sul fronte dallo stesso Kopa.
(dal sito www.gianfrancoronchi.net)




Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Dal Museo del Real Madrid, cimeli di Milan e Real Madrid
(Sopra, per gentile concessione di Stefano "Potsy" Pozzoni. Sotto, per gentile concessione di Fabrizio Munno di laziowiki.org)


Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere




Cliccare sull'immagine per ingrandire

La medaglia del secondo posto della finale di Coppa Campioni 1958, appartenuta a Narciso Soldan
(per gentile concessione di Mark Baldasso)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

Cinquant'anni fa la prima finale del Milan in Coppa dei Campioni
(da "Forza Milan!", 2009)




dal sito amarcordmilan.blog.lastampa.it

BRUXELLES 1958: IL GIORNO IN CUI IL MILAN FECE TREMARE IL GRANDE REAL
La prima finale di Coppa Campioni disputata dai rossoneri si concluse dopo i tempi supplementari. Un successo soltanto sfiorato contro una delle squadre più forti della storia del calcio
Correva l’anno 1958 quando il Milan, guidato in panchina da Gipo Viani, fece tremare il Grande Real Madrid di Gento e Di Stefano. Allo stadio Heysel di Bruxelles era in programma la finale di Coppa dei Campioni, la prima disputata in campo neutro. Una partita spettacolare e dalle tante emozioni. La squadra milanista mise due volte sotto gli spagnoli, grandi favoriti della vigilia, accarezzando il sogno della grande impresa. Ai nomi altisonanti della squadra merengues (Di Stefano e Gento su tutti), i rossoneri risposero con Pepe Schiaffino e Liedholm. Fu vero spettacolo fino all’epilogo dei tempi supplementari. In difesa il Milan puntava sul libero Cesare Maldini, in campo due campioni d’altissima classe: il rossonero Schiaffino e il madridista Di Stefano. Il Milan, dopo aver vanamente inseguito Di Stefano, ingaggiò Pepe, protagonista di un pezzo significativo di storia rossonera.
Dopo un primo tempo senza gol, il Milan passò in vantaggio al 14’ della ripresa proprio con Pepe Schiaffino, magistralmente assistito da Liedholm, ultimo superstite in rossonero del trio svedese Grenoli. Poco prima del 75’, Di Stefano ristabilì la parità: dribbling su tre avversari e conclusione a sorpresa. Il pareggio sembrò l’inizio dell’ondata Real ma pochi minuti dopo, al termine di una bella giocata tra Schiaffino e Liedholm, fu Grillo, argentino dai piedi buoni e dalla classe cristallina, a riportare in vantaggio il Milan (foto in basso). Tuttavia, l’illusione di soffiare la coppa al Real durò appena un giro di lancette di orologio. Nell’azione successiva, infatti, arrivò il pareggio di Rial. Il duplice fischio dell’arbitro belga Alsteen mandò tutti ai supplementari dove uscì la maggiore esperienza madridista. Il Real trovò il gol decisivo al 107’ con Gento, abile a ribadire in rete una conclusione respinta da un difensore rossonero. Fu così che svanì il sogno. La serata di Bruxelles incoronò nuovamente la squadra spagnola che chiuderà quel ciclo strepitoso con 5 Coppe Campioni vinte consecutivamente. Per il Milan fu un’occasione mancata, contro una delle compagini più forti della storia del calcio.
L’undici rossonero sceso in campo a Bruxelles fu il seguente: Soldan, Fontana, C. Maldini, Beraldo, Bergamaschi, Liedholm, Radice, Danova, Schiaffino, Grillo, Cucchiaroni. All. Viani.
In quella edizione di Coppa dei Campioni, il cammino del Milan era cominciato dalla sfida contro gli austriaci del Rapid Vienna, risolta allo spareggio nel turno preliminare. Le altre squadre superate dai rossoneri furono gli scozzesi del Rangers Glasgow, i tedeschi del Borussia Dortmund e gli inglesi del Manchester United. I Red devils, poco prima di affrontare il Milan nel doppio confronto di semifinale, furono colpiti da una terribile sciagura aerea, di ritorno da Belgrado. Otto giocatori del Manchester persero la vita, altri due furono costretti al ritiro. Per il Milan, l’appuntamento con il primo titolo europeo per club fu soltanto rinviato. Cinque anni dopo, nella splendida cornice londinese dello stadio di Wembley, una doppietta di Altafini al Benfica di Eusebio cancellò l’amarezza di Bruxelles. Fu il primo di una lunga serie di vittorie rossonere in Coppa dei Campioni, trofeo che per ben sette volte reca, nel suo albo d’oro, il nome del Milan.