Ritorno ai tabellini delle partite
   

   


TROFEO PALLA D'ORO
14 maggio 1931, Ambrosiana vs Milan 1-0




Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
Presentazione del Trofeo "Palla d'Oro"
(dalla "Gazzetta dello Sport" del 7 e 14 maggio 1931)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(dalla "Gazzetta dello Sport" del 15 maggio 1931)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "Il Littoriale")
Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(dal "Corriere della Sera")




COMMENTO ALLA PARTITA tratto da "Milan-Inter, storia e gloria del derby di Milano", 1998 - Enrico Tosi

14.05.1931 - AMBROSIANA vs MILAN 1-0 (Trofeo Palla d'Oro)
L'incontro è organizzato dal Comitato per le Opere Assistenziali del "Nastro Azzurro", associazione benefica. Nessuna delle due società deve considerarsi ospitante. E' in palio un artistico trofeo consistente in una palla d'oro poggiante su colonna romana con fascio littorio. Il premio sarà assegnato alla squadra che avrà vinto due volte questa sfida. Le due formazioni milanesi si incontrano all'Arena per una partita, dunque, a scopo benefico, nel giorno dell'Ascensione. E' ammessa la sostituzione del solo portiere in caso d'infortunio, come prevedono i regolamenti delle coppe dell'epoca. Quella del 14 maggio 1931 è una grande giornata di sport per Milano: oltre al derby si disputa una importante riunione di atletica leggera con la presenza dei grandi Frigerio, Beccali e Facelli. La "Gazzetta dello Sport" concede ampio spazio all'incontro, considerando questa stracittadina addirittura più importante, per i tifosi milanesi, di quelle di campionato: qui è in questione il primato cittadino. La rosea riallaccia idealmente questa "Palla d'Oro" alla antiche sfide per la "Palla Dapples" e a quelle più recenti del Trofeo "Lombardi e Macchi". Pubblico imponente, con numerose autorità presenti. Giornata di pieno sole. L'incontro è vinto dall'Ambrosiana per 1-0 con un gol di Ferrero al 22' della ripresa. L'ala segna con tiro "forte e sicuro" (così testualmente la "Gazzetta") su traversone di Visentin, probabilmente partito da posizione di fuorigioco. I nerazzurri vincono grazie a una vivace ripresa dopo che il Milan, nel primo tempo, aveva colpito un palo con Magnozzi.