Ritorno ai tabellini delle partite
 
< Partita precedente

   


3 marzo 1918, Milan vs Internazionale 8-1




Cliccare sull'immagine per ingrandire

Lettera del Milan alprefetto di Milano prima del derby di campionato del 3 marzo 1918
(per gentile concessione di Stefano "Potsy" Pozzoni)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Un'zione sotto la porta dell'Inter
(per gentile concessione di Tommaso De Lorenzis)



Cliccare sull'immagine per ingrandire

Un'azione sotto la porta del Milan
(per gentile concessione di Tommaso De Lorenzis)



Cliccare sull'immagine per ingrandire Cliccare sull'immagine per ingrandire


(dalla "Gazzetta dello Sport" del 4 marzo 1918)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere
(da "La Domenica Sportiva" del 10 marzo 1918)



Cliccare sull'immagine per ingrandire e leggere

(da "La Stampa" del 4 marzo 1918)




COMMENTO ALLA PARTITA tratto da "Milan-Inter, storia e gloria del derby di Milano", 1998 - Enrico Tosi

03.03.1918 - MILAN vs INTERNAZIONALE 8-1, Coppa Mauro (10^ giornata)
La Coppa Mauro ha un incredibile, polemico epilogo. Avviata a un probabile spareggio tra Milan e Legnano, a poche gare dal termine, c'è invece una incauta decisione del C.R.L. di annullare la gara Legnano-Inter (1-0, 4^ giornata di ritorno) che accoglie il reclamo della società nerazzurra (fuorigioco nella segnatura legnanese con l'arbitro propenso ad ammettere l'errore). La ripetizione non viene accettata dal Legnano che è quindi dichiarato perdente. Il che scatena una reazione a catena con ritiro, oltre che del Legnano e dell'U.S.M., anche della Nazionale Lombardia e infine dell'Enotria Goliardo. Sono dichiarate perdenti le squadre ritirate negli incontri ancora da disputare. La classifica finale diventa la seguente: Milan e Inter 20 punti, Legnano 14, U.S. Milanese 9, Nazionale Lombardia 6, Enotria G. 4 e Saronno 3. A questo punto Mauro (presidente federale), per scongiurare una possibile scissione in seno alla FIGC lombarda, sconfessa le decisioni del C.R.L. e promette alla società lilla la ripetizione di Legnano-Inter, proprio nella stessa domenica in cui viene decisa la disputa dello spareggio Milan-Inter per l'assegnazione del trofeo.
Si gioca sul campo del Milan al Velodromo Sempione, così come deciso dal sorteggio. Il Milan è al completo, l'Inter manca di Aebi. Il risultato, sul 2-1 in favore dei rossoneri fino a mezzora dalla fine, assume dimensioni incredibili. Al termine sarà di 8 a 1 per il Milan: è la massima differenza di punteggio in un derby milanese tra le due squadre. Questo il commento della "Gazzetta": "Il Milan li ha annientati (intendendo gli interisti) con gioco corretto e dignitoso senza mai insistere in una affermazione di superiorità ch'era troppo chiara ed evidente." 7 degli 8 gol milanisti portano la firma dei fratelli Cevenini. Il povero portiere interista Dal Corso non accenna neppure alla parata nelle azioni degli ultimi 3 gol. A fine partita però nessuno sa se il Milan ha veramente vinto la Coppa, il cui esito finale resta sub-judice. Meritevole di segnalazione è l'invito della "Gazzetta" al Legnano a rinunciare ai propri diritti in merito all'incontro con l'Inter in segno di ammirazione verso il successo del Milan. La stessa incolpevole società rossonera, seccata dal comportamento dei due diversi organismi federali, attraverso le pagine della "Gazzetta" ha parole roventi contro la FIGC e denuncia, tra l'altro, con sorpresa dello stesso giornale, la mancata consegna della Coppa Regionale Lombarda vinta nella stagione precedente.